A Campomorone la prima “Plastipremia” del genovesato

Dopo l’esperienza genovese, dove il capoluogo regionale è la prima città italiana per numero di ecocompattatori, la macchina PlasTiPremia arriva nel comune dell’Alta Valpolcevera

Una nuova macchina PlasTiPremia è stata oggi inaugurata in piazza Guglielmo Marconi a Campomorone alla presenza del sindaco, Giancarlo Campora e di Pietro Moltini, vicepresidente Amiu Genova. 

Dopo la positiva esperienza nella città di Genova, che ha il primato italiana per numero di ecocompattatori, anche nel territorio del Genovesato, tra i comuni compresi nel contratto di servizio Città Metropolitana – AMIU Genova, inizia la diffusione di questa buona pratica legata alla raccolta differenziata delle bottiglie e dei flaconi in plastica. 

Dichiara il sindaco Giancarlo Campora: «Il progetto PlasTiPremia è un ottimo incentivo ad una raccolta differenziata di qualità e uno stimolo per i cittadini che possono comprendere come il rifiuto possa essere un valore. Una iniziativa che non può che trovare il sostegno degli abitanti del nostro territorio, da sempre attento agli aspetti legati all’impatto ambientale e alla cura della nostra vallata».

Nel programma di diffusione di questi ecocompattatori nel Genovesato è prevista, dopo quella a Campomorone, l’installazione di altre 5 macchine. Un piano di sviluppo legato ad un progetto AMIU, già approvato dalla Città Metropolitana di Genova, e che ha ottenuto un finanziamento regionale. 

Sottolinea Pietro Moltini, vicepresidente AMIU Genova: «Le buone pratiche legate alla raccolta differenziata, l’impegno dell’azienda e quello dei cittadini in campo ambientale – che in questo territorio ha raggiunto ottimi risultati – si accompagna al sostegno delle attività commerciali di vicinato e il coinvolgimento attivo di tanti interlocutori istituzionali come la Regione, la Città Metropolitana, l’Istituto Ligure del consumo e dei consorzi di filiera come CoRepla. Un connubio che non può che essere vincente». 

Per coloro che utilizzeranno l’ecocompattatore nel comune di Campomorone, oltre al circuito specifico di attività locali convenzionate, si aggiungono anche quelle già presenti a Genova, circa 200 attività aderenti.

A Genova il piano di sviluppo promosso da AMIU con l’Amministrazione Comunale, prevede l’installazione di altre 6 macchine nei quartieri genovesi attualmente sprovvisti.

Da inizio del progetto nel capoluogo genovese sono state riscosse oltre 25.000 premialità, erogando sconti per più di 40.000 euro e generando un indotto commerciale per le attività coinvolte superiore ai 100.000 euro.

Le macchine più performanti rimangono Foce (2.300 conferimenti al giorno di media), Marassi (2.200), Sampierdarena (2.100), San Fruttuoso (2.000), Certosa e San Teodoro (1.800).  

I dati genovesi, che comprendono anche il mese di agosto, parlano di circa 21.000 tra bottiglie e flaconi conferiti al giorno di media, 26.000 il sabato per un totale di circa 125.000 pezzi la settimana. Dall’inizio dell’installazione delle prime macchine (fine 2020) al 31 agosto, si tratta di 4.500.000 di bottiglie pari a 125 tonnellate di plastica di altissima qualità, tutte destinate al riciclo in impianti specializzati.

I partner del progetto “PlasTiPremia” sono insieme ad AMIU, Istituto Ligure del Consumo (associazioni dei consumatori), Comune di Genova, il consorzio COREPLA e Regione Liguria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: