Sì del consiglio comunale al centro commerciale alla rotonda di Carignano

Modifica del piano urbanistico per permettere l’insediamento di un centro con supermercato e punto vendita non alimentare votata a maggioranza

«Adesso la società che si è aggiudicata la concessione – ha detto l’assessore all’Urbanistica Simonetta Cenci – potrà presentare il progetto definitivo che includerà tutta una serie di migliorie per il quartiere rispetto al progetto nel bando per la concessione».

«Se l’alternativa è l’attuale degrado, siamo senz’altro favorevoli alla riqualificazione della zona nel rispetto dell’ambiente, delle peculiarità storiche e architettoniche del sito e dei vincoli della Soprintendenza, per un miglioramento della mobilità, per una maggiore offerta di parcheggi e per la piena fruibilità della rotonda da parte di bambini e famiglie residenti» ha detto in aula il capogruppo di Forza Italia Mario Mascia.

Non favorevole il Pd: «Senza alcun confronto con i residenti e con i commercianti, nonostante il contenzioso tuttora pendente al Tar, il Consiglio Comunale ha modificato il piano urbanistico per consentire l’insediamento di due nuovi supermercati – uno alimentare e uno non alimentare – presso la Rotonda di Carignano, il cui diritto di superficie è stato ceduto ad un’impresa privata per novant’anni – dicono al gruppo Dem -. Ancora una volta la Giunta Bucci, senza alcuna visione di sviluppo sostenibile per la città, spaccia per riqualificazione la dismissione di patrimonio pubblico, la cementificazione e l’apertura di nuove strutture di vendita.  Noi siamo convinti che Genova abbia bisogno di un altro modello di sviluppo».

«L’urgenza di chiudere la procedura urbanistica di aggiornamento al piano urbanistico comunale è dovuta a un ricorso al Tar dell’attuale occupante di una parte dell’area della Rotonda di Carignano, oggetto, da parte di questa amministrazione, di futuro intervento di rigenerazione urbana a oggi di fatto bloccato dalla condizione di morosità dell’inquilino – dice l’assessore Cenci -. Il Tar attesta che non vi sia una evidenza oggettiva di un vero progetto definitivo sull’area e che pertanto lo spostamento richiesto non è giustificato: con l’approvazione dell’aggiornamento al Piano, invece, si apre la possibilità di poter affidare l’area, da dare in concessione, come da bando del patrimonio, libera “da occupazione di inquilino non pagante” e ai progettisti di consegnare un progetto definitivo in tempi brevi, e quindi poter rilasciare il permesso a costruire, come da indicazioni, elaborate e condivise, con la Soprintendenza. Senza l’aggiornamento al Puc, quindi, non potrebbero partire interventi di riqualificazione di un’area di un quartiere come Carignano attesi da tempo dai cittadini e che con loro elaboreremo una volta sbloccata la progettazione definitiva. La nostra visione di città è ben chiara, al contrario di chi ci ha preceduto e che vorrebbe darci oggi lezioni di urbanistica quando dimostra di non fare neppure lo sforzo di leggere i documenti che arrivano in consiglio comunale».

«Non è vera neppure – puntualizza l’assessore Cenci – la previsione di due nuove strutture di vendita, ma quella alimentare è un trasferimento, entrambe comunque di superficie non maggiore di 1000 mq, in un contesto che viene complessivamente risanato con la realizzazione di verde pubblico per circa 10.000 mq. Ribadisco che la superficie commerciale alimentare non deriva da una nuova licenza, ma per trasferimento da altra sede di una licenza già esistente. L’insieme delle opere previste sia pubbliche che private dovranno essere progettate e realizzate nel rispetto dei rigorosi vincoli paesaggistici esistenti sull’area previa acquisizione del parere favorevole della Soprintendenza. Il tutto anche nel rispetto delle visuali da via Corsica. L’intervento, infatti, non dovrà comportare interferenze ed ostacoli nella percezione paesaggistica verso il mare».

È stato approvato oggi all’unanimità dal Consiglio Comunale anche un ordine del giorno a firma del consigliere comunale di Forza Italia Stefano Costa, che richiamati due analoghi ordini del giorno presentati dal collega di gruppo e consigliere comunale decano Guido Grillo, impegna il Sindaco e la Giunta «a promuovere, attraverso il Municipio competente, un percorso di condivisione e illustrazione degli avanzamenti del progetto edilizio relativo alla Rotonda di Carignano».

«Lo scopo – dichiara Costa – è quello di traguardare l’obiettivo di una piena riqualificazione del sito, promuovendo un intervento che mantenga un equilibrio con le esigenze del quartiere e tuteli le peculiarità storiche e architettoniche del sito».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: