Controlli e due arresti della Polizia in centro storico

Entrambi erano ricercati, il primo perché era evaso dai domiciliari, il secondo perché gli era stata ripristinata la detenzione in carcere per sospensione della misura alternativa


Ieri gli agenti del Commissariato Centro , unitamente a Reparto Prevenzione Crimine Liguria, personale della Questura, Carabinieri e unità cinofile di Guardia di Finanza e Polizia Locale, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto dei reati inerenti gli stupefacenti, anche in risposta agli esposti presentati dai residenti.
In particolare è stata monitorata la zona compresa tra via Prè, Vico Mele, Maddalena.
Durante l’attività è stato notato un giovane che, con fare guardingo, parlava con alcuni stranieri. Sottoposto a controllo è emerso che il ragazzo, un 24enne albanese, irregolare in Italia, era ricercato per evasione. Arrestato ad inizio mese per furto era stato condannato agli arresti domiciliari, ma più volte il personale del Commissariato Cornigliano preposto ai controlli non l’aveva trovato in casa. Denunciato in stato di irreperibilità per evasione e richiesto l’aggravamento di pena, l’uomo è stato finalmente rintracciato e condotto in Questura in attesa della direttissima.

Nel pomeriggio anche gli agenti del Commissariato Prè hanno effettuato un arresto. Un genovese di 51anni, visto confabulare con due uomini in vico dell’Amore, ha cercato di dileguarsi alla vista delle divise. Una volta raggiunto è stato trovato in possesso di 1 gr. di eroina ed alcune pastiglie di antidolorifico contenente oppiacei, senza possedere la ricetta medica necessaria, è stato dunque segnalato amministrativamente quale assuntore di sostanze stupefacenti.
A suo carico è inoltre emerso un rintraccio inerente la sospensione della misura alternativa alla quale era sottoposto e il ripristino della detenzione in carcere. L’uomo è stato condotto a Marassi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: