Quattro anteprime nei cinema all’aperto di Villa Gruber, Sturla e ai parchi di Nervi

Agosto al cinema è periodo di anteprime. Ne sono in arrivo quattro: “Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto” di Riccardo Milani (il 14 e il 15 agosto al Sivori e nelle arene “Cinema in Villa” a Villa Gruber, “Circuito sul mare” a Sturla, “Cinema nei parchi” a Nervi), “Nowhere special” di Uberto Pasolini (mercoledì 18 agosto a Sturla), “Falling” di Viggo Mortensen (mercoledì 25 agosto a Villa Gruber e a Sturla), “Supernova” di Harry Macqueen (lunedì 30 agosto a Sturla)

La più attesa è la commedia “Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto” di Riccardo Milani, che dopo quattro anni torna a seguire le vicende di Giovanni e Monica, interpretati da Antonio Albanese e Paola Cortellesi, protagonisti di un’improbabile storia d’amore che in effetti ha avuto vita breve proprio come un gatto in tangenziale, cioè pochissimo. Il film si potrà vedere a Ferragosto (il 14 e il 15 agosto) in tutte le arene di Circuito (Sturla, Nervi e Villa Gruber) e anche al chiuso del cinema Sivori. Monica, ex cassiera tutta tatuata residente in periferia, è finita in carcere a causa delle gemelle e si trova costretta a chiedere aiuto al suo ex, l’avvocato Giovanni, radical chic residente nel centro storico di Roma. Nel cast fa il suo ingresso Luca Argentero, nel ruolo di un affascinante sacerdote presso la cui comunità Monica dovrà svolgere servizi sociali.
“Nowhere special” di Uberto Pasolini (il 18 a Sturla), ambientato a Belfast, racconta la storia di un padre in cerca di una nuova famiglia per suo figlio. Pensa con generosità e tenerezza al futuro, sapendo di essere affetto da una malattia che può lasciargli poco tempo. Ma assapora ogni istante con un’intensità che lascia senza fiato e riempie il cuore. Con Bernadette Brown e Chris Corrigan.
“Falling” (il 25 a Villa Gruber e Sturla) è il primo film diretto da Viggo Mortensen, grandioso Aragorn nella trilogia “Il signore degli anelli”. La sua ispirazione in questo caso esplora il mondo dei conflitti familiari e generazionali, seguendo lo scontro tra Willis (Lance Henriksen) e il figlio John (Mortensen). Il padre è un vecchio contadino, caustico e divertente, che mal comprende la famiglia dell’erede, accasato con un uomo (Terry Chen) e una figlia adottiva.
“Supernova” di Harry Macqueen (il 30 a Sturla) descrive un’altra coppia maschile, interpretata da Stanley Tucci e Colin Firth, alle prese con un viaggio intrapreso per reagire alla notizia di una malattia. La novità porta un cambiamento inaspettato, che esplode come una supernova.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: