Festival Genova Reloaded, stasera al Ducale Silvio Ferrari e Zerocalcare

Un incontro “Sulle orme dei rifugiati” seguito da un film in anteprima sul massacro di Srebrenica, “Quo vadis. Aida?” di Jasmila Zbanic

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Festival Genova Reloaded 2021
Cinema e dintorni: 24 giugno – 4 luglio 2021
Direzione artistica Giorgio Viaro
Produzione Alesbet – Centro Culturale Carignano

Domenica 27 giugno
Cortile Maggiore Palazzo Ducale, ore 21.30
(piazza Matteotti 9)
Incontro
SULLE ORME DEI RIFUGIATI
Intervengono Silvio Ferrari e Zerocalcare in dialogo con Giorgio Viaro

A seguire
Anteprima
QUO VADIS, AIDA?
di Jasmila Zbanic
Con Jasna Duricic, Izudin Bajrovic, Boris Isakovic, Johan Heldenbergh
Bosnia Erzegovina, Austria, Romania, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Francia, Norvegia 2020 – Durata 101’
In lingua originale con i sottotitoli in italiano

Un incontro “Sulle orme dei rifugiati” con Silvio Ferrari e Zerocalcare, seguito da un film in anteprima sul massacro di Srebrenica, “Quo vadis. Aida?” di Jasmila Zbanic. Nella quarta giornata del festival cinematografico “Genova Reloaded”, arrivato alla seconda edizione, il concorso si ferma per dare spazio a un tema definito scottante da ormai diversi decenni. I rifugiati sono al centro del dibattito moderato da Giorgio Viaro, direttore artistico della manifestazione, che inizia alle ore 21,30 nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale, principale sede del festival organizzato da Circuito.
“Sulle orme dei rifugiati” è stato realmente Silvio Ferrari, storico, scrittore, traduttore, Accademico nazionale della Croazia, nato a Zara e cresciuto a Camogli dopo l’esodo giuliano-dalmata, che parlerà di Srebrenica e della sua esperienza personale. Profondo conoscitore della realtà slava, ha tradotto “Metodo Srebrenica” di Ivica Dikic e “Le lacrime delle madri di Srebrenica” di Abdulah Sidran. Accanto ai rifugiati è stato per scelta Zerocalcare, nome d’arte di Michele Rech, che sostanzia la sua carriera di fumettista con un’identità anticonvenzionale da vero intellettuale e un’anima da reporter. Recentemente è stato in Iraq, un’altra terra straziata. Parlerà del suo viaggio in Medio Oriente, nel territorio chiamato anche Kurdistan iracheno, qualche chilometro più in là della terra su cui è nata una delle sue opere più famose, “Kobane Calling”, vero e proprio reportage in forma grafica sui curdi assediati.
Due punti di vista utili a preparare alla visione di “Quo vadis, Aida?” di Jasmila Zbanic, film distribuito da Academy Two e presentato a Genova in anteprima e in lingua originale con i sottotitoli in italiano. La regista Jasmila Zbanic descrive il genocidio di Srebenica, avvenuto nel 1995, durante il lungo periodo di guerra che ha dilaniato il territorio dell’ex Jugoslavia. Il punto di vista è affidato a un’interprete dell’Onu che, grazie al suo ruolo, riesce a capire quello che sta per accadere e tenta disperatamente di salvare la famiglia. Una delle tante storie vere di un massacro che ha faticato a trovare la via della cronaca, ma non uscirà mai dalla storia, L’esercito dell’allora Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, guidata dal generale Ratko Mladic, ha ucciso oltre 8000 musulmani bosniaci. Lo scorso 8 giugno, Mladic è stato condannato in via definitiva per genocidio dal Tribunale Penale dell’Aja.
“Genova Reloaded” prosegue fino a domenica 4 agosto, tutti i giorni con film e incontri.
La seconda edizione del Festival cinematografico “Genova Reloaded”, organizzato da Circuito, è prodotto da Alesbet e Centro Culturale Carignano con il sostegno di Genova Palazzo Ducale, Europa Cinemas, Academy Two, il patrocinio di Rai Liguria e Regione Liguria. Main sponsor è Banca Carige, che promuove la cultura e le imprese liguri, in una sfida che unisce tradizione e innovazione. Fondazione Cappellino-Almo Nature entra a sostenere l’attività di Circuito con una partnership che la vedrà protagonista nel prossimo triennio. Gli sponsor del Festival sono Camera di Commercio di Genova, Unipol Sai Assicurazioni. Sponsor tecnici Finollo, Easyscooter e Laura Sciunnach.
BIGLIETTI:Intero: € 8Ridotto: € 7
In caso di pioggia le proiezioni previste al Ducale saranno trasferite al cinema Corallo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: