Stazione di Sestri, aggredisce con coltello e cinghia una ragazza e ferisce la donna intervenuta per proteggerla

È successo alle 22:15 alla stazione di Sestri Ponente dove la 24enne pregiudicata per reati specifici è stata arrestata dalla Polizia di Stato che l’ha portata al carcere di Pontedecimo

La Polizia di stato ha arrestato una 24enne genovese, pregiudicata, per lesioni personali aggravate e  minacce  aggravate, denunciandola altresì per porto d’armi od oggetti atti ad offendere.

Ieri sera le volanti dell’U.P.G. e del Commissariato Cornigliano sono intervenute alla stazione di Sestri per un’aggressione in atto al binario 1. Fatto bloccare il treno in partenza gli agenti hanno percorso tutto il binario fino a quando un gruppo di persone all’interno del convoglio, ha richiamato la loro attenzione. 

Tra loro, una donna visibilmente scossa con una ferita lacero contusa alla tempia ed un taglio all’orecchio ed una ragazza che consegnava subito agli operanti il coltello sporco di sangue usato dalla 24enne. Scesi dal treno e chiamati i soccorsi per la donna ferita, gli agenti si sono informati sull’accaduto. I componenti del gruppo, rivelatosi poi una famiglia “allargata” con i figli anche minori, hanno raccontato che, mentre si stavano recando alla stazione dopo una serata in pizzeria, sono stati seguiti da una sconosciuta che li insultava proferendo frasi molto volgari ed ingiuriose.

Il padre, temendo soprattutto che i bambini si spaventassero, ha portato velocemente tutti al binario per tornare a casa. Poco dopo è sopraggiunta la 24enne che armata di una cinghia e di un coltello ha urlato minacce di morte alla figlia maggiore dell’uomo e si è scagliata contro di lei brandendo il coltello. La compagna di lui si è frapposta tra loro ed è stata attinta al capo. Mentre l’uomo si impossessava del coltello e soccorreva la ferita, la malvivente ha cominciato a prendere a cinghiate la ragazza in tutto il corpo, finché, sentendo che veniva chiamata la Polizia, si è data alla fuga. 

Ma non è andata molto lontano, infatti durante il racconto della famiglia ai poliziotti, la giovane è tornata urlando ancora minacce di morte contro la ragazza, che continuava a non capire perche ce l’avesse così tanto con lei. 

Portata alla calma e condotta in Questura, la 24 enne è stata associata al carcere di Pontedecimo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: