Approvata all’unanimità in Regione ordine del giorno per i vaccini ai malati di Parkinson

Proposta da Gianni Pastorino, capogruppo di Linea Condivisa, è stato votato da tutti. Impegna Toti a chiedere a Speranza e Brusaferro date certe per le persone che soffrono della malattia

È stato approvato questa mattina in consiglio regionale un ordine del giorno, proposto dal capogruppo di Linea condivisa Gianni Pastorino, firmato da tutti i capigruppo della maggioranza e dell’opposizione, relativo ad una richiesta di intervento urgente da parte del presidente Giovanni Toti nei confronti del ministro alla Salute Roberto Speranza e del presidente dell’Istituto superiore di sanità dottor Silvio Brusaferro. Al centro della richiesta: date certe per la vaccinazione covid-19 per tutte le persone affette da Parkinson e da altri parkinsonismi.

«Purtroppo la lettera inviata l’8 marzo scorso, da parte dell’accademia Limpe-Dismov al ministro Speranza e al dottor Brusaferro, non ha avuto seguito – dichiara Pastorino – e noi abbiamo in Italia migliaia e migliaia di donne e uomini malati di Parkinson che ancora non hanno ricevuto date certe per la loro vaccinazione».

Come affermato dalla stessa accademia Limpe-Dismov, il Parkinson è una malattia degenerativa che richiede una particolare e urgente attenzione proprio in tema vaccinale.

«Regione Liguria, a maggior ragione per la sua condizione anagrafica, ha uno dei più alti tassi di presenza di Parkinson e altri parkinsonismi tra la nostra popolazione – prosegue il consigliere Pastorino –. Ci auguriamo che altre Regioni seguano il nostro esempio, sappiamo di iniziative del genere già presenti in Piemonte, e che richiedano immediatamente al ministro Speranza e all’Iss di colmare questa mancanza che mette in difficoltà tutti coloro che sono affetti da Parkinson». 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: