Braccialetto elettronico a stalker 25enne

Indagine del reparto Giudiziaria della Polizia locale: su disposizione del gip, arresti domiciliari ad indagato per molestie alla ragazza con cui aveva avuto una relazione

Il venticinquenne aveva violato il divieto di avvicinamento alla vittima e ai suoi genitori disposto dal Giudice
Il reparto Giudiziaria della Polizia locale, su disposizione del procuratore generale Francesco Cozzi, ha dato esecuzione all’ordinanza di aggravamento di misura cautelare nei confronti di un ragazzo di 25 anni residente nel ponente genovese, messo agli arresti domiciliari a seguito dell’aggravamento della misura di cui era destinatario, un divieto di avvicinamento a una donna con la quale in passato aveva avuto una relazione sentimentale. A suo carico era stata emesso il divieto di avvicinamento a non meno di 200 mt dalla dalla ragazza e dai genitori di questa. Le indagini della Giudiziaria della Polizia locale hanno appurato che l’indagato più volte, nel corso dell’ultimo mese, ha violato la misura, cercando proprio un contatto con la vittima. Il Giudice per le indagini preliminari Milena Catalano ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari e ha disposto l’applicazione del braccialetto elettronico. La misura è, per legge, subordinata all’acquisizione del consenso dell’indagato. Il venticinquenne ha accettato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: