Toti: “Liguria pronta ad acquistare anticorpi monoclonali”

È arrivata l’autorizzazione dell’Aifa per l’utilizzo in via straordinaria. Il presidente della Regione: <Secondo gli studi, gli anticorpi monoclonali abbasserebbero del 70% le ospedalizzazioni e del 70% i decessi>

“La Liguria è pronta ad acquistare gli anticorpi monoclonali. Ho già dato mandato ad Alisa di attivare le procedure necessarie per assicurare l’accesso a questi farmaci nel minor tempo possibile, se sarà consentito acquisire su base regionale gli anticorpi monoclonali per il trattamento dell’infezione da Covid-19”. Lo ha detto il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, commentando l’autorizzazione di Aifa per l’utilizzo in via straordinaria degli anticorpi monoclonali. “Il professor Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie Infettive, e la nostra sanità hanno già stilato un protocollo e definito i pazienti che potrebbero ottenere un trattamento precoce. Secondo gli studi, gli anticorpi monoclonali abbasserebbero del 70% le ospedalizzazioni e del 70% i decessi, per questo ci auguriamo che si possa trovare presto una strada a livello burocratico per ottenerli e iniziare le somministrazioni. La Liguria è pronta”. Il protocollo prevede la presa in carico del medico di medicina generale congiuntamente all’infettivologo, che ha quindi la possibilità di valutare se il paziente presenta le condizioni di rischio per essere sottoposto al trattamento.

Gli anticorpi monoclonali sono sintetici, fabbricati in laboratorio e ottenuti da quelli naturali prodotti dai pazienti immunizzati. Vengono somministrati a chi ancora deve superare la malattia. Queste cellule artificiali, scrive la leggepertutti.it, producono anticorpi migliori nell’organismo per debellare il coronavirus. La somministrazione prevede una infusione endovenosa di circa un’ora con un tempo di osservazione tra i 15 e i 30 minuti come nel caso dei vaccini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: