Identificato dai Carabinieri il rapinatore della pescheria di Sottoripa

Era già in carcere per un altro reato. Aveva agito alle 4 del mattino dell’11 novembre scorso. Era già stato arrestato, sempre dai Carabinieri di Maddalena, per una rapina commessa il 9 ottobre in via San Luca con la stessa tecnica: ha fatto lo sgambetto alle vittime per farle cadere

Anche grazie alle immagini delle telecamere di “Genova Città Sicura”, i carabinieri di Maddalena hanno denunciato un 21enne di nazionalità marocchina che era già detenuto a Marassi per un altro procedimento. Insieme ad un altro soggetto, rimasto ignoto, alle 4 del mattino dell’11 novembre scorso si era avvicinato a un cittadino italiano intento ad aprire la pescheria presso la quale lavora come dipendente, in Sottoripa all’angolo di piazza J. Da Varagine. Aveva tentato di fare lo sgambetto per fare cadere la vittima ed è comunque riuscito ad appropriarsi del portafoglio dell’uomo, contenente 180 euro ed altri effetti personali.
I Carabinieri della stazione di via al Ponte Calvi lo hanno identificato riconoscendolo dalle immagini registrate dalle telecamere perché lo avevano già arrestato per l’altra rapina condotta sempre con la “tecnica” dello sgambetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: