Diga, Bucci: “Pensare gli spazi per i prossimi 50 anni e un collegamento Voltri-Nervi via mare”

Il Sindaco pensa a un collegamento nel tratto di acque portuali protette dalla diga e che possa essere utilizzato sia dai passeggeri sia dalle merci

Dibattito pubblico sulla nuova diga foranea del porto di Genova alla conclusione. A chiudere proprio il sindaco Marco Bucci.
<Sono mancate domande “di lungo termine” – ha detto -. Dobbiamo pensare alla diga dei prossimi 40 anni non a quella dei prossimi 10 anni. Non è una critica: voglio solo esortare e suscitare interesse per quello che sarà la diga dei prossimi anni, dei nostri figli. Non avremo occasione di fare la diga nei prossimi 20 anni. Per cui, diamoci da fare adesso perché dobbiamo pensare in grande>.
<Io avrei chiesto quanta acqua libera abbiamo adesso e quanta acqua libera vogliamo avere in futuro -a proseguito il Sindaco -. Il porto è fatto di acqua riparata, acqua libera la chiamo io. Quanta acqua libera abbiamo ora? Se vogliamo avere un porto più grande, quanta ne dovremo avere tra 40, 50 anni. Quello che vogliamo noi è che la nuova diga sia fatta per ottenere abbastanza acqua per poter fare tutte le cose che vogliamo fare in futuro. Pensiamo alle merci, ai passeggeri per crociere e traghetti e anche alle comunicazioni interne a Genova, ad esempio. Non ho sentito nessuno che abbia pensato a una comunicazione tra Voltri e Nervi utilizzando proprio l’acqua protetta per trasferire passeggeri e merci dentro la città>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: