Si fa i selfie con la “maria”, operaio 46enne nei guai

Ha perso il cellulare e i Carabinieri hanno trovato all’interno un fotoservizio davvero interessante. La perquisizione a casa ha portato al rinvenimento dello stupefacente. Adesso i militari dell’Arma cercano eventuali complici

Ieri mattina, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Arenzano (GE), in collaborazione con quelli della Stazione di Genova Prà, hanno arrestato una persona, V.B., 46 enne, operaio, pregiudicato, per detenzione di sostanze stupefacenti.

L’arresto giunge a conclusione di un’indagine lampo iniziata qualche giorno fa quando in via Branega i militari avevano rinvenuto a terra un telefono cellulare smarrito sul quale erano stati trovati dei “selfie” che ritraevano un uomo con piante di cannabis indica e ingenti quantitativi della stessa sostanza pronta per lo smercio.

Grazie a rapidi accertamenti, è stato possibile risalire all’identità dell’uomo, proprietario del telefono smarrito, e richiedere una perquisizione all’A.G. di Genova.

Ieri, mattina, a seguito della perquisizione nell’abitazione di V.B., sono stati rinvenuti, occultati in cucina, circa 2 etti di marijuana e 130 grammi di hashish nonché un bilancino di precisione.

L’uomo, con precedenti penali specifici, è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Marassi con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio.

Sono in corso gli accertamenti per individuare la rete di acquirenti ed eventuali complici.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: