Il comico Raco testimonial per le donazioni alla Croce Bianca Genovese – IL VIDEO

La raccolta fondi è particolarmente importante oggi: la Regione ha tagliato i fondi per le ambulanze Covid. I dpi costano 28 euro ad ogni viaggio, più i normali costi e dalla Sanità regionale vengono riconosciuti non più i 95 euro giornalieri ad ambulanza, ma i canonici 31,81 euro a viaggio che bastano a malapena a coprire i costi per i dpi, il materiale di consumo del soccorso (bende, presidi, ossigeno), le divise, il gasolio del mezzo e non coprono il costo dei dipendenti: con i soli volontari, infatti, non si riuscirebbe a coprire il servizio

Il comico genovese Daniele Raco (Zelig, Bruciabaracche, stand-up comedian di successo) testimonial d’eccezione per la campagna donazioni in favore della Croce Bianca Genovese

In un breve video diffuso sui canali social della Pubblica Assistenza e dell’artista, Raco invita la cittadinanza a “stare vicino alla Croce Bianca Genovese perché, da sempre, la Croce è al nostro fianco”.

Il messaggio assume particolare rilevanza in questo periodo di emergenza Covid-19, considerati gli ingenti costi per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale per i soccorritori e alla luce della sospensione dei rimborsi per le urgenze sanitarie dedicate comunicata da Alisa.

Ogni uscita per Covid19 o sospetto tale, costa all’associazione circa 14 euro di dispositivi di protezione individuale per ogni soccorritore, in quanto sono necessari:
2 tute in tyvek, categoria 4 o superiore, monouso
2 maschere FFP2 monouso
4 paia di guanti corti monouso
2 paia di guanti lunghi monouso
4 calzari monouso
2 maschere chirurgiche
2 visiere, sanificabili
Il tutto va raddoppiato perché i militi sono 2 e la spesa è quindi di 28 euro.
Ogni servizio è rimborsato dalla ASL3 31,81€.
Con i 3,81€ rimanenti occorre coprire i costi per il materiale di consumo del soccorso (bende, presidi, ossigeno), le divise, il gasolio del mezzo e tante altre piccole spese.
<Tutto questo sperando che il personale sia volontario: con solo personale dipendente non riusciremmo a garantire nulla> dicono alla Croce Bianca.

In più c’è la sanificazione, che per le ambulanze Covid (che trasportano sia i paziento Covid accertati sia quelli sospetti) viene effettuata a ogni trasporto al San Martino. Anche le altre vengono sanificate, anche se con minore frequenza. Le pubbliche assistenze più lontane dal San Martino la effettuano in sede (facendosi carico del costo dei materiali per la sanificazione per risparmiare il viaggio e il tempo di fermo relativo per cui il mezzo è sottratto ai soccorsi). Tutte le ambulanze vengono comunque sottoposte a sanificazioni ordinarie e straordinarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: