Tenta di partire per Londra con documenti falsi e stratagemmi, ma viene arrestato

Un altro arresto della Polizia di frontiera aerea e marittima di Genova nell’aeroporto Cristoforo Colombo. È il sesto dal 1º gennaio 2020

Nell’ambito di mirati controlli messi in campo dagli agenti dell’ufficio di Polizia di frontiera aerea e marittima di Genova, nella giornata di ieri è stato tratto in arresto un cittadino albanese con l’accusa di uso di documenti falsi.
In particolare, l’uomo, per eludere il controllo dei documenti della Polizia, si era munito di due carte di imbarco, una per Tirana e una per Londra (voli in partenza nella stessa fascia oraria) e ha esibito ai poliziotti esclusivamente quella per la città albanese insieme al passaporto. Il diavolo, però, come si dice, fa le pentole, ma non i coperchi. Il volo per Tirana è stato cancellato per avverse condizioni meteo e il soggetto in questione, invece di raggiungere i bus sostitutivi per l’aeroporto di Malpensa messi a disposizione della compagnia, si è trattenuto in aeroporto. Questo ha insospettito i poliziotti che lo hanno fermato. All’atto del controllo, il passeggero ha mostrato una carta di identità italiana contraffatta e la carta di imbarco per Londra. Gli agenti, sottoponevano il documento a controlli approfonditi e hanno verificato che era falso, quindi hanno arrestato lo straniero e lo hanno portato nel carcere di Marassi su indicazione dell’autorità giudiziaria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: