“Stai zitta e vota” al consigliere Tini, il Pd lancia petizione per chiedere le scuse del Sindaco

Il 25 febbraio scorso, nel corso della seduta-fiume del consiglio comunale sul bilancio, a seguito delle proteste della consigliera M5S perché dopo che era stata negata una sospensione per mangiare qualcosa e del fatto che invece in aula era arrivato il portapizze con le pizze ordinate dal centrodestra (secondo l’opposizione si tratta di un’azione contraria al regolamento), il Sindaco, in diretta, aveva invitato il presidente del consiglio comunale Alessio Piana a gettare fuori dall’aula i contestatori e all’indirizzo di Tini ha affermato: “Stai zitta e vota”. Ora Cristina Lodi, capogruppo Pd, invita i cittadini a firmare una lettera in cui si chiede a Bucci di scusarsi

L’appello è stato pubblicato su Facebook dalla capogruppo Pd, che ha anche pubblicato il pezzo del video stralciato dalla diretta della seduta.

Maria Tini, aveva commentato così gli eventi di quella giornata.

Aggiornamento. Il consigliere della Lega Davide Rossi esprime <solidarietà a Tini, ma anche a Fontana>.
<Dato che oggi la capogruppo del PD Lodi ha lanciato l’idea della lettera da sottoscrivere per richiedere le scuse del sindaco Bucci alla consigliera Tini, dopo un commento sgarbato, a quanto pare – dice -, sarebbe giusto anche ricordare che il femminismo non va a convenienza o intermittenza come in questo caso. Infatti quando durante un intervento in commissione della nostra capogruppo Lorella Fontana, il consigliere Pd Stefano Bernini si era permesso di darle della pecora, nessuno dell’opposizione si era prodigato a richiedere delle scuse, forse perché non interessava. Mi viene da pensare che il PD si dichiari femminista solo con chi vuole e a convenienza, non è un principio fondato come dichiarano>.

Intanto il M5S del Comune ha messo online la petizione lanciata stamane sui social dal Pd.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: