Annunci
Ultime notizie di cronaca

Ricercato a Genova l’uomo che ha massacrato una 25enne a Reggio Emilia. È pericoloso

Ha ucciso con furia cieca, a coltellate, la titolare di un locale a Reggio Emilia. Secondo la famiglia ha problemi mentali. È in fuga dall’8 agosto, potrebbe essere proprio nella nostra città. Diffusa dalla Procura la foto segnaletica

Hui Zhou, conosciuta a Reggio come Stefania

Hui Zhou è stata massacrata a coltellate nel suo bar l’8 agosto scorso. Hicham Boukssid, 34 anni, irregolare con due decreti di espulsione sulle spalle, non sempre stabile psicologicamente (lo dicono i suoi stessi parenti) è scappato quel giorno. Scalzo, senza soldi, senza vestiti di ricambio. È scattata la caccia all’uomo, perché Hicham è pericoloso. Nell’aprile scorso proprio la sua famiglia lo portò al pronto soccorso dopo l’ennesima sfuriata. Era ossessionato dalla bellezza di Hui, che i clienti chiamavano Stefania. Innamorato ma non corrisposto. Quindi in un caldo pomeriggio è entrato al “Moulin Rouge”, gestito dal 2008 dalla famiglia della ragazza, e con violenza si è scagliato su di lei, devastando quel corpo che non poteva avere con la lama del coltello. Con una ferocia incredibile, racconta un testimone.
Poi è fuggito. Fino almeno alle prime ore di domenica 11 agosto è rimasto a Reggio, non lontano dal luogo dove ha massacrato la ragazza. Nelle ricerche sono stati impegnati, oltre alle forze dell’ordine, squadre cinofile, un elicottero e i vigili del fuoco. Sono stati individuati alcuni giacigli dove ha dormito e lasciato abiti, scarpe, ciabatte. Dopo di lui si sono perse le tracce. Una pista porta proprio a Genova, da cui l’uomo potrebbe tentare di tornare in Tunisia dalla madre via nave. Oppure provare a cercare rifugio in Francia raggiungendo e varcando il confine di Ventimiglia.
La foto segnaletica del killer è stata spedita a tutti i posti di frontiera e diffusa dalla Procura di Reggio Emilia, che è convinta che Hicham Boukssid sia stato aiutato da qualcuno, tanto che ha organizzato una conferenza stampa per ricordare che il reato di favoreggiamento è punito con 4 mesi di reclusione.
Se vedeste l’uomo, non tentate di fermarlo, ma avvisate subito le forze di polizia. Potrebbe avere ancora con sé il coltello. Un coltellaccio da cucina lungo 30 centimetri.

Hicham Boukssid
Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: