Bottiglietta per lavare la pipì dei cani, non sarà entro l’estate. Discussione rimandata

La modifica al regolamento, proposta da Pignone (Lista Crivello) non trova ostacoli formali nella maggioranza, ma non avrà applicazione entro l’estate (quando più servirebbe). Motivazione: ascoltare le associazioni animaliste

Come dire di no a una proposta che a Genova, come altrove, raccoglie molti consensi? Così, non c’è stata una vera opposizione alla modifica al regolamento comunale proposta da Enrico Pignone (Lista Crivello), consigliere di opposizione, quella di obbligare i proprietari di cani a di pulire con acqua (da portare con sé in una bottiglietta) tracce di deiezioni solide e orina. La maggioranza, oggi, in commissione, ha però trovato il modo di fare flanella aggiornando la discussione, cioè procrastinando i tempi con la motivazione di ascoltare le associazioni animaliste, come se la “bottiglietta igienica” già introdotta da molti comuni liguri dovesse portarla con se il cane e non il padrone umano. Il rinvio però, rende praticamente impossibile l’applicazione del nuovo regolamento entro l’estate, cioè quando più servirebbe per limitare la diffusione di cattivi odori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: