Annunci
Ultime notizie di cronaca

Maxi centrale del falso scoperta dalla polizia locale a Pre’: migliaia di pezzi perfetti e “certificati”

Operazione del reparti speciali Giudiziaria e Sicurezza. Una quantità impressionante di merce e marchi riprodotti perfettamente e certificati di autenticità, ovviamente anche quelli contraffatti.
L’assessore Garassino: <Un plauso alla polizia locale che ha colpito nel segno uno degli obiettivi che ci siamo prefissi come Amministrazione per un triplice motivo: la contraffazione arreca danno economico alle aziende corrette, è evasione fiscale e alimenta la criminalità>

Tra borse, scarpe, cinture, portafogli, maglie, borse e accessori, certificati di origine e targhette i pezzi sequestrati sono migliaia. Tutti contraffatti, tutti di ottima fattura, non come quelli che si trovano normalmente ai margini dei mercati sulle lenzuola da quando il pressing della polizia locale s’è fatto battente e deciso. L’operazione condotta oggi dal reparto Giudiziaria e dal reparto Sicurezza ha permesso di scoprire un hub del falso top di gamma.
Tutto è nato quando un commissario capo della PG ha deciso di seguire con i suoi uomini e con quelli della Sicurezza un venditore senegalese di 35 anni sceso dal treno alla stazione Principe con un borsone contenente una settantina di pezzi di non eccelsa fattura. È stata ottenuta dal magistrato di turno l’autorizzazione alla perquisizione domiciliare e lì, in una casa di via Pre’, in stanze diverse da quelle del senegalese placcato fuori dalla stazione, gli agenti hanno trovato una quantità incredibile di merce: oltre 300 cinture dei marchi Gucci, Hermes e Louis Vuitton, 66 portafogli finemente inscatolati nelle confezioni con i marchi, una dozzina di paia di scarpe anche quelle nelle scatole, poi una marea di etichette per le scarpe e le borse. Ma quello che più stupisce sono i certificati di originalità (circa 100 Gucci e 100 Louis Vuitton) destinati alle confezioni della pelletteria che fa presumere che tutto potesse essere anche venduto a negozi compiacenti non solo nell’area di Genova. Tra le magliette, insieme a quelle di emporio Armani, di Gucci, della Fila, Ralph Lauren anche quelle del marchio Philipp Plein che, se originali, possono arrivare a costare anche 600 euro.

Il venditore straniero è stato denunciato a piede libero per la merce contraffatta che teneva nel borsone. Continuano le indagini per risalire all’organizzazione che intendeva smerciare i falsi perfetti e certificati come veri.

<Voglio fare un plauso enorme ai reparti speciali della polizia locale, Giudiziaria e Sicurezza, per la maxi operazione condotta in porto oggi – dice l’assessore alla Sicurezza del Comune Stefano Garassino -. Hanno assestato un notevole colpo al mondo illegale della contraffazione, uno degli obiettivi che ci siamo prefissi come Amministrazione per un triplice motivo: arrecano un danno economico alle aziende sane e corrette, evadono le tasse e alimentano la criminalità. Il materiale sequestrato oggi è di una qualità superiore e ci fa pensare che quella merce fosse destinata a un giro più “alto” rispetto a quello dei venditori abusivi che agiscono in strada. Miriamo proprio a combattere questo livello più alto, come anche le associazioni di categoria hanno chiesto. Voglio sottolineare ancora una volta la grandissima professionalità della nostra polizia locale che anche in questo campo ottiene grandi successi>.

Sopra: le lettere di pagamento con tanto di QrCode che porta al sito Vuitton

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: