Annunci
Ultime notizie di cronaca

Flash mob all’Anagrafe contro il Registro delle famiglie

Folla all’anagrafe per l’iniziativa di Liguria Pride, Comunità San Benedetto al Porto e Nonunadimeno. decine si persone chiedono di iscriversi al Registro delle famiglie del Comune di Genova, perché chiedono sia riconosciuta tutta la varietà degli stati di famiglia possibili e previsti dalla legge. <Intasiamo gli uffici contro la politica dell’esclusione e dei privilegi! Le persone iscritte d’ufficio, offese da tale arroganza, potranno invece chiedere di disiscriversi, perché i diritti o sono di tutti o non sono diritti> dicono gli organizzatori. Tra i partecipanti c’è anche l’Ordine degli Assistenti sociali.


<Il Comune di Genova, attraverso il Registro delle famiglie, a settembre aveva promesso speciali benefici e favori nella fruizione dei servizi della Civica amministrazione alle coppie sposate e con figli conviventi – dicono i partecipanti -. La maggioranza martedì 22 gennaio ha rinnovato la promessa votando in Consiglio Comunale una serie di ordini del giorno che introducono agevolazioni e benefici ai soli nuclei familiari iscritti al Registro Comunale delle Famiglie. Le famiglie “diverse” non potranno beneficiare di facilitazioni nell’erogazione dei servizi sociali, di riduzioni del costo delle certificazioni anagrafiche, di un maggior punteggio nelle graduatorie delle case popolari, di agevolazioni negli abbonamenti AMT, di tariffe scontate per l’utilizzo dei Taxi, di tagliandi agevolati per i parcheggi e deroghe speciali per l’ingresso nelle zone a traffico limitato. Bucci e la sua maggioranza giudicano la maggior parte della cittadinanza non meritevole di accedere ai servizi alla pari delle famiglie elette; travolti dalla foga per difendere la famiglia tradizionale inciampano goffamente producendo provvedimenti discriminatori anticostituzionali e in violazione dei Trattati europei. Venditori di ideologia a buon mercato, colpiscono pure i loro elettori perché convivenze, separazioni e divorzi sono un dato sociale trasversale e perché il 45% delle famiglie genovesi è composto da una persona sola! Il messaggio della giunta Bucci è in sintonia con un clima nazionale e globale di restaurazione di un ordine misogino e omofobo, che richiama alla mente il tristemente noto “Dio, Patria e Famiglia”. In questa direzione vanno gli attacchi alla legge 194 sull’interruzione di gravidanza, la proposta di legge Pillon che rende il matrimonio nei fatti indissolubile, la pretesa di far tacere chi pubblicamente porta avanti un discorso di scelta libera e autodeterminata su sessualità, riproduzione, stili di vita. È necessario far vedere che il consenso questi amministratori non ce l’hanno. È necessario mostrare che nonostante la crisi e la recessione rendano tutte e tutti più insicuri, le genovesi e i genovesi non ci stanno a farsi rinchiudere nella gabbia falsamente rassicurante degli stereotipi e dei ruoli di genere. Fermiamoli prima che la nostra città, che sa essere bella e accogliente, si trasformi nella capitale della divisione sociale, dell’arroganza, dell’esclusione>.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: