Annunci

Via 30 Giugno, i sensori danno l’allarme. L’unica strada di sponda della Valpolcevera chiusa al traffico

Il vento ha mosso il moncone di ponente. Una palma incombe su corso Italia, una serie di alberi e lampioni caduti impedisce il transito verso San Carlo di Cese. Strappate dai muri molte insegne. Danneggiato anche un palazzo dei rolli in via Garibaldi

Le chiusure di corso Italia, via Tabarca, via Currò, della strada di San Carlo di Cese e dell’area alle spalle della Guglielmetti sono state causate da alberi caduti o pericolanti o allagamenti. Via 30 Giugno 1960, invece, è stata chiusa ieri “per sensori”. Quelli che misurano gli spostamenti, anche millimetrici, dei monconi del ponte Morandi e, nel caso del troncone di ponente, hanno rilevato movimenti relativamente consistenti. Tali da consigliare, appunto, la chiusura della strada, anche se è attualmente l’unica via di sponda aperta. I movimenti, certamente causati dal vento forte, hanno fatto immediatamente fatto scattare le misure di sicurezza. La strada sarà aperta non appena ci saranno segnali rassicuranti sulla stabilità del moncone, che sarà valutata già in mattinata, quando il vento avrà cessato di soffiare.
Chiusa per 100 metri corso Italia, in entrambe le direzioni per una palma pericolante. I vigili del fuoco non possono intervenire per ragioni di sicurezza: oscilla sia su una carreggiata sia sull’altra. Anche in questo caso bisogna attendere lo stop delle raffiche.
Una serie di alberi caduti e la possibilità che ne cadano altri ha indotto i vigili del fuoco a sconsigliare la riapertura della strada che da Pegli raggiunge San Carlo di Cese. Chiuse anche le strade alle spalle dell’ex officina Guglielmetti, in val Bisagno. in questo caso, a compromettere la sicurezza sono alcune lastre pericolanti sui tetti. Intervento della protezione civile in via Rubens, dove un albero è caduto. I volontari della Si radio club Cb Genova est R.G.E sono intervenuti per alberi caduti Albero in via Piacenza davanti alla Basko, in via Cambiaso e in via Lodi.

Via del Tritone e via Tabarca a Sturla sono state oggetto di allagamento di acqua di mare risalita sulla terraferma. Lastre del tetto di un capannone pericolanti anche all’origine dei motivi della chiusura parziale di via Pionieri e Aviatori d’Italia, vicino all’Aeroporto.
Chiusa per albero pericolante, invece, via Currò a Sampierdarena. La strada è usata dalle famiglie per portare i bimbi a scuola, ma per fortuna stamattina le scuole sono chiuse e non si porrà il problema in tempi immediati.

 

 

 

 

 

 

Molte anche le insegne spazzate via dalla tormenta. Queste si trovano nel centro storico, vicino a porta dei Vacca (intervenuti i volontari della protezione civile) e in piazza delle Erbe.

In via Garibaldi le condizioni meteorologiche hanno danneggiato ieri mattina palazzo Lomellino, uno dei palazzi dei rolli di via Garibaldi. Un elemento della facciata si è staccato, probabilmente colpito da un fulmine, ed è caduto al suolo.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: