Annunci

Sciopero dell’autotrasporto, battibecco tra Toti e sindacati. Domani in Prefettura

Botta e risposta tra il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e i sindacati dell’autostrasporto Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti che hanno indetto diversi giorni di sciopero per protestare per i tempi di sosta mni piazzali dei terminal e per la carenza di servizi. <Ho appreso con preoccupazione e disappunto la notizia dell’interruzione delle trattative e la conseguente conferma delle quattro giornate di sciopero dei lavoratori dell’autotrasporto – dice Toti -. Una decisione sciagurata e irresponsabile che danneggia gravemente sia il Porto di Genova, sia i molti cittadini che dello scalo si servono in queste ore. Quattro giornate di sciopero risultano totalmente incoerenti con il clima generale all’interno del principale scalo italiano, contraddistinto da una importante crescita di tutti i settori, interessato da importanti riforme strutturali e da significativi investimenti pubblici. Pur non sottovalutando i problemi sollevati dalle organizzazioni sindacali e all’origine dello sciopero, ritengo che i percorsi intrapresi e le soluzioni proposte siano una base assolutamente appropriata per il proseguo immediato delle trattative e per una celere sospensione della protesta>.
<Intorno al Porto di Genova, al suo sistema e al suo sviluppo – prosegue il presidente della Regione – ruota una parte importante della crescita della nostra Regione e più in generale dell’economia italiana. Il danno provocato dal perdurare di questa agitazione risulta totalmente incoerente rispetto al costruttivo dialogo avviato da tutte le parti e da tutte le istituzioni su tutti i principali temi sul tavolo. Pertanto auspico un immediato ritorno al tavolo delle trattative, una sospensione dell’agitazione e l’avvio celere di tutte le soluzioni in via di definizione. Questo è l’unico comportamento responsabile, a meno che qualcuno non voglia giocare maliziose e inconfessabili partite diverse sulla pelle di tutti i genovesi, dei liguri e dell’economia italiana>.
<Caro Presidente – rispondono i sindacati – Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti sono soggetti responsabili che hanno dichiarato tre giorni di sciopero – giovedì, venerdì, sabato – a nome e per conto di tutti i lavoratori camionisti genovesi che con professionalità esercitano da sempre il loro lavoro per far sì che il porto di Genova possa raggiungere i “famosi record” di container movimentati a scapito del tempo della loro vita famigliare e spesso con rischi di incidenti gravi e addirittura mortali. Le ricordiamo che è da febbraio 2018 che abbiamo iniziato il percorso di vertenza e di lotta per ridurre i tempi d’attesa nei vari terminal portuali. Con la mediazione intelligente dell’Autorità di sistema portuale di Genova e Savona siamo giunti a una ipotetica intesa che purtroppo per problemi di rappresentanza delle controparti, Anita Confindustria, e di numerose società che non fanno riferimento alle associazioni datoriali ci impediscono ad oggi di rendere veramente esigibile l’accordo stesso. Sappia signor presidente che il nostro obbiettivo vero è la riduzione dei tempi d’attesa, ma ad oggi abbiamo ottenuto solo promesse. Ci aiuti affinché ciò si realizzi. Non ci critichi a buon mercato, noi non lo meritiamo!>.
<Domani alle 11 siamo convocati in Prefettura – concludono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti -. Venga anche lei che sicuramente da come ha scivolato nel famoso scivolo della Costa, saprà farci scivolare in questa vertenza che per colpa di ritardi della politica, delle istituzioni e delle aziende, ci ha costretto ad effettuare di questi primi due giorni di sciopero>.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: