Annunci

In corteo per Jefferson, “Dovevano aiutarlo, non sparargli. Chiediamo giustizia” – I VIDEO

Gli amici di Jefferson Tomalà sfilano in via Sestri vestiti di bianco e con candele dello stesso colore. Ci sono molti ecuadoriani, ma anche tanti italiani
La famiglia: <Non era un delinquente. Abbiamo chiamato un’ambulanza e invece è arrivata la polizia>

In duecento, vestiti di bianco e con le candele accese hanno sfilato per via Sestri chiedendo <Giustizia per Jefferson>, il ragazzo di 20 anni rimasto ucciso domenica nella sua casa di Borzoli durante l’intervento della polizia. Lui ha ferito un agente, l’altro, per difendere il collega, gli ha sparato.  <Aveva bisogno di aiuto – dicono gli amici -. Non dovevano sparargli, dovevano aspettare un medico>. Quando il corteo è arrivato sotto casa del ragazzo, la processione a tratti silenziosa, a tratti lacerata dai pianti o dalle grida degli amici, si è fermata. È stato letto un ricordo del giovane che è stato concluso da un lungo applauso.

In mattinata la famiglia aveva convocato una conferenza stampa nello studio degli avvocati. Presenti la madre Lourdes Garcia , il fratello Santiago Stalin Tomalà Garcia, la sorella, la compagna Angie, madre della figlia di 3 mesi del ragazzo. Un incontro con i giornalisti punteggiato da una riga di “non è vero”. Non è vero che Jefferson era pregiudicato. Non é vero che la madre ha chiamato la polizia, solo un’ambulanza. Non è vero che Lourdes Garcia e la figlia si sarebbero barricate in un’altra stanza. <In casa – ha detto la madre – c’erano tanti poliziotti, ma mio figlio era sdraiato a letto, voleva solo la sua fidanzata. Ho sbagliato a non mandarli via, ma non mi lasciavano entrare. Perché non hanno chiamato la fidanzata? Perché hanno usato lo spray peperoncino? Perché non gli hanno sparato a una gamba, o ai piedi? Spero che Dio perdoni queste persone, prima o poi…>. Anche Angie è convinta che se mi avessero lasciato entrare non sarebbe successa questa tragedia>.
<Ho detto: “Lasciatemi parlare con lui, sta aspettando la sua ragazza” – ha riferito Santiago Stalin -. Il poliziotto si toccava l’arma>.

 

Sono almeno 5 i colpi che, secondo il medico legale Luca Tajana, hanno raggiunto Jefferson all’altezza del torace. Altri proiettili si potrebbero trovare con la tac e, in seguito, con l’autopsia>.

 

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: