Annunci

Azienda di trasporto “taroccava” i cronotachigrafi dei camion e mobbizzava i dipendenti

Camion e sicurezza stradale, denunciato dalla polizia stradale, in concorso, per maltrattamenti anche un dipendente. Molti autisti, costretti a guidare oltre il tempo consentito dalla legge, si sono licenziati

La Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento della Liguria e quella della Sezione Polizia Stradale di Savona, lo scorso mese di febbraio, hanno iniziato, sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore di Savona G.B. Ferro, un’attività di indagine sulle condizioni di lavoro all’interno della ditta di autotrasporto B.G., con sede in Albenga.
Dalle usuali verifiche incrociate alle ditte del settore, era emerso il frequente alternarsi dei dipendenti assunti con mansione di autista, molti dei quali decidevano di interrompere il contratto di lavoro con la ditta dopo poco tempo dall’assunzione, pur non avendo trovato altra sistemazione lavorativa. Si trattava quindi di accertare se il titolare imponesse agli autisti di compiere delle violazioni.
Dalle prime indagini, appariva fondata l’ipotesi che i mezzi aziendali fossero stati modificati con magneti idonei a falsare la lettura del cronotachigrafo digitale, obbligatorio per legge sui veicoli di peso superiore alle 3,5 tonnellate. Inoltre si appurava che il sistema di applicazione dei magneti era predisposto per una rapida applicazione e disapplicazione.
L’alterazione del cronotachigrafo “permetteva” agli autisti di compiere più viaggi nel corso della stessa giornata, falsando la durata massima dei tempi di guida giornalieri e settimanali previsti dalla normativa. Ovviamente si mettevano in pericolo sia gli autisti sia gli automobilisti che avevano la sventura di incontrarli.

Quindi, l’attività della Polizia Stradale Ligure si concentrava sull’accertamento delle presunte violazioni della normativa sociale e dell’art. 572 del Codice Penale (maltrattamenti), a seguito della reiterazione di tale comportamento nei riguardi di una molteplicità di dipendenti, una vera e propria coazione psicologica che emergeva nel corso dell’indagine.

Dopo una serie di appostamenti e verifiche, lo scorso 22 maggio, la Polizia Stradale, coadiuvata dagli Ispettori dell’Ufficio Provinciale del Lavoro di Savona e da un tecnico esperto in cronotachigrafi, eseguiva una perquisizione presso la sede della ditta e su numerosi mezzi di questa posteggiati nel Comune di Vado Ligure. Nella circostanza, venivano sequestrate 13 calamite di varie misure e 5 trattori stradali che avevano subito le modifiche strutturali descritte in precedenza.

Il titolare B.C. e il dipendente D.V. sono stati denunciati in stato di libertà, per il reato di maltrattamento in concorso tra loro.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: