Annunci

Foibe, convegno revisionista nella sede del Municipio Ponente. Infuriano le polemiche

Foibe e revisionismo. La denuncia viene dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Antonino Sergio Gambino. In una sede nella disponibilità del Municipio Ponente si terrò un convegno revisionista sulle Foibe. <È indegno un convegno con questo titolo e questo argomento – commenta Gambino. Ancora più indegno è il fatto che si svolga in locali pubblici. Ancora oggi si nega quella che è stata una immane tragedia compiuta dai comunisti partigiani di Tito contro i nostri fratelli istriani>.
Il Municipio Ponente non ha mai concesso il patrocinio, ma ha affittato la sala. Nel caso del Municipio Medio Levante e della polemica sull’evento dell’associazione Ramo D’Oro, casa editrice con in catalogo una serie di titoli cari all’estrema destra, il parlamentino aveva concesso il patrocinio, poi ritirato su intervento dell’assessore Elisa Serafini e del Sindaco. L’iniziativa si era poi tenuta e l’associazione aveva pagato la sala.
Anche in questo caso si tratta dell’affitto della sala. <Si trattava della presentazione di un libro sulla guerra civile in Irlanda e non c’era ragione di impedirla> dice Gambino. In questo caso, il titolo è “politico”, palesemente revisionista e tocca la nostra storia: “Foibe: la grande menzogna”. L’evento è stato organizzato dall’Osservatorio Antifascista Permanente.
Il Municipio Ponente sottolinea di non aver concesso alcun patrocinio e di aver solo affittato la sala all’associazione.
<La sinistra che brandisce la spada dell’antifascismo ogni qual volta si ritrova a corto di idee, che si indigna per una fascia tricolore portata in memoria dei caduti di Salò, che addita come fascisti coloro che la pensano diversamente, riesce ancora una volta a dare il peggio di sé organizzando un ignobile e infamante incontro per denigrare il ricordo degli esuli istriani e dalmati barbaramente uccisi nelle Foibe> lo dice la capogruppo della Lega cin Comune Lorella Fontana, che prosegue: <L’evento organizzato dall’osservatorio permanente antifascista, per di più in una sala pubblica del Municipio Ponente, va non solo contro alla mozione che tutto il consiglio comunale ha firmato per vietare la disponibilità di spazi pubblici per l’organizzazione di manifestazioni eversive e divisive, ma offende la memoria di coloro che sono caduti per mano del fanatico comunismo. Quello che più mi fa indignare da ponentina è che lo stesso Municipio Ponente non abbia negato la concessione della sala. Come gruppo della Lega esprimiamo totale dissenso verso tale manifestazione>.

Aggiungeremmo, appena ci perverrà, una dichiarazione ufficiale del presidente Chiarotti.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Un pensiero riguardo “Foibe, convegno revisionista nella sede del Municipio Ponente. Infuriano le polemiche

  • 14 giugno 2018 in 15:08
    Permalink

    Assolutamente vergognoso. Duole vedere che neppure i morti sono uguali e c’è chi si ostina a negare l’evidenza di questa pulizia etnica che ha anticipato di molto quella avvenuta in Bosnia molti anni più tardi.

    Risposta

Rispondi

Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: