Annunci

Cruscotto dell’economia genovese: piccoli aumenti dell’inflazione e delle imprese attive. Positive le esportazioni

<Il 2017 si è chiuso confermando la lenta ripresa dell’economia genovese. I principali indicatori registrano incoraggianti segnali provenienti da diversi settori del mondo dell’impresa, dall’attività portuale, i cui traffici hanno mostrato risultanti particolarmente positivi, e dal comparto turistico. L’occupazione resta Aancora al palo anche se il lavoro non diminuisce grazie al riassorbimento di numerosi cassintegrati. Infine risultano positive le dinamiche legate alle esportazioni di beni e servizi> lo dicono a Tursi sulla base dei dati del Cruscotto dell’economia genovese – 2° semestre 2017” realizzato dalla Direzione Statistica del Comune. Si sa che la statistica non ha il dono della tempestività e quattro mesi e mezzo sono già un risultato.

Nel corso del 2017 l’inflazione risale nei primi mesi dell’anno per poi decelerare nel secondo semestre attestandosi, a dicembre, ad un valore tendenziale pari a +1,3% superiore al dato nazionale. A fine anno l’inflazione del capoluogo ligure risulta lievemente superiore rispetto a quella delle principali città del nord Italia.

I dati provenienti dal settore imprenditoriale evidenziano nel 2017 un lieve incremento del numero di imprese attive a Genova rispetto all’anno precedente (+0,2%). In termini percentuali il dato del capoluogo ligure risulta migliore dei valori registrati a livello nazionale (+0,1%), regionale e provinciale (che segnano entrambi una variazione nulla). Si conferma l’aumento delle attività operanti nel comparto turistico, in quello delle costruzioni mentre cresce anche il numero delle imprese nel settore finanziario e assicurativo e in quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche. Si riduce invece il numero delle attività legate al trasporto e magazzinaggio e, in minor misura, al commercio. Il comparto manifatturiero, pur registrando in valore assoluto un lieve calo del numero delle aziende, segna un notevole incremento del giro di affari più consistente nel primo semestre dell’anno. A fine 2017 risultano ancora in aumento le attività avviate da stranieri (+3,7% rispetto all’anno precedente), soprattutto nei settori del commercio, dell’edilizia, dei servizi di alloggio e ristorazione, e dei servizi di supporto alle imprese. Anche il settore dell’imprenditoria femminile registra segnali di ripresa dopo un lungo periodo di crisi mentre si accentua, rispetto al 2016, il calo delle imprese gestite dai giovani (-3,9%). Migliorano lievemente i dati del mercato del lavoro. Nel 2017 il tasso di disoccupazione della provincia di Genova, risulta in diminuzione di 0,8 punti percentuali rispetto all’anno precedente attestandosi al 9,1%. Tale valore risulta inferiore a quello ligure (9,5%) e nazionale (11,2%) ma ancora lontano da quello registrato nel Nord Ovest (7,4%).

Anche la situazione del mondo del lavoro giovanile, seppure ancora critica, presenta segnali di miglioramento: nella provincia di Genova il 25,0% delle forze lavoro di età compresa fra i 18 e 29 anni risulta disoccupato ma la percentuale dei giovani disoccupati registra una flessione dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Risulta invece in risalita il tasso di inattività della popolazione giovanile cha aumenta di 3,4 punti percentuali. Cresce lievemente il tasso di occupazione provinciale (15-64 anni) che risulta pari al 63,3% (+0,1 punti percentuali) grazie anche al calo della popolazione di riferimento. Più confortanti risultano i dati provenienti dalla gestione delle ore di cassa integrazione totali che nel 2017 in provincia di Genova risultano in calo del 69,6% rispetto all’anno precedente; in consistente diminuzione risultano le ore autorizzate in via straordinaria che registrano una flessione pari al 79,0%.

In aumento il numero delle startup che alla fine del 2017 risultano 108 con un incremento pari al 24% rispetto all’anno precedente.

I dati relativi all’attività portuale evidenziano un significativo aumento del traffico di tutte le tipologie di merci: quelle imbarcate, rispetto al 2016, risultano in crescita dell’11,0%, mentre quelle sbarcate registrano un incremento del 6,9%. Anche il movimento containerizzato si conferma in crescita sia per quanto riguarda lo sbarco che l’imbarco: complessivamente, nel 2017, sono stati movimentati oltre 2,6 milioni di teus. Negli ultimi 12 mesi risulta invece in flessione il numero dei crocieristi (-9,1%) mentre anche il numero dei passeggeri dei traghetti diminuisce lievemente (-0,7%).

Il turismo registra un incremento degli arrivi da attribuirsi non solo alla crescita del flusso degli stranieri ma anche all’incremento dei visitatori italiani. Fra i turisti stranieri risulta percentualmente consistente, rispetto al 2016, il numero degli arrivi dei visitatori russi (+30,2) e brasiliani (+20,9). In ripresa anche l’affluenza dei visitatori dell’acquario mentre, dopo il record dello scorso anno, flette il numero delle presenze nei musei cittadini (-9,5%).

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: