Annunci

La vignetta di Besana: “Genova More Than Piss”

Il marito “abbandonato” in sopraelevata dalla moglie (che lo recupera un chilometro più avanti) perché scende a fare pipì, le multe della polizia municipale ai ragazzi ubriachi che non si fanno scrupoli a orinare all’aria aperta nel centro storici durante la movida e il caso della donna che noi abbiamo scambiato per una stravaganza momentanea e invece è probabilmente un caso psichiatrico e di cui ora si stanno occupando le istituzioni a sua tutela. Nell’occasione della pubblicazione di quella notizia ci sono arrivate decine di segnalazioni di genovesi che indicano altri soggetti (clochard, ubriachi, semplici maleducati di ogni età) che usano questo o quel posto della città come latrina, richieste di recuperare gli antichi orinatoi (che però vanno bene solo per gli uomini) o richieste contrapposte di chiudere quelli che ancora ci sono a causa del degrado. C’è poi tutta la partita che riguarda la mancanza di luoghi dove fare pipì in centro storico e l’idea di aprire locali-toelette gestiti nelle serate della città vecchia. Si è anche scatenato il dibattito sul costo della minzione. C’è chi la vuole libera e proletaria (quindi gratuita) e sostiene che solo così si elimineranno i fenomeni di degrado perché se si deve pagare in molti continueranno a farla per strada e chi invece invoca un servizio a pagamento presidiato e gestito sostenendo che altrimenti i bagni diventeranno infrequentabili.
Carlo Besana non ha resistito (proprio come i protagonisti delle storie che abbiamo raccontato) e ha trasformato lo slogan cittadino.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana
Partita Iva 02485610998
Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: