Annunci

Il Brocante di Castello Parodi fra mobili vintage e auto d’antan della Cri

Appuntamento da non perdere sabato 25  e domenica 26 novembre  con Il Brocante di Castello Parodi a San Cipriano, comune di Serra Riccò, mostra-mercato di brocantage, antiquariato, mobilie mobili shabby, lampade, oggetti d’arte, quadri, lettere da insegne, oggetti dall’estremo oriente e altro ancora.

La manifestazione si svolgerà al Castello Parodi con orario dalle 9 alle 20. Il Castello sorge sulla collina di San Cipriano, dove un tempo sorgeva la rocca dei Cambiaso. Fatto edificare dal Senatore e avvocato Parodi è diventato sede di eventi, incontri, feste. La prima edizione della mostra mercato vedrà la partecipazione di una ventina di espositori e hobbysti. I visitatori potranno trovare, piccoli oggetti d’antiquariato, quadri, fashion, artigianato, arredo e tessuti. Non mancherà l’aspetto benefico con la presenza delle celebri Pigotte dell’Unicef con una raccolta fondi organizzata da “ La via del sale”, dei Lions e Del Museo Storico della Croce Rossa. Sul piazzale, ad attendere i visitatori ci saranno due antichi mezzi, una Lancia Ardea del 1950 e una vecchia jeep Fiat Campagnola. L’ingresso è libero, come l’ampio parcheggio con attiguo posto bar e ristoro.

Sabato e domenica mattina alle ore 10 sarà possibile visitare il castello e la sua torre, accompagnati da una guida, naturalmente sempre gratuitamente. Sono ben accetti animali domestici e con le dovute cautele anche quelli ” selvatici”. Il percorso consigliato è l’uscita autostradale di Bolzaneto, poi strada per Morego, IIT proseguendo per San Cipriano

Racconta Alberto Podesta’, insieme a Pietro Baselica, ideatore della mostra: “I bambini di Castelletto Parodi”.

A San Cipriano sorge il Castello Parodi. Tra le tante curiosità che circondano questo maniero vi è quella di una parete con su segnato il nome, l’altezza e la data dei bambini che lo frequentavano. Dei segni fatti con il lapis, che il tempo e anche un po’ l’incuria hanno reso sempre più flebili. Anno dopo anno Giovannino, Filippo, Maria Antonietta (nomi di fantasia) e altri si confrontavano con l’avvenuta crescita. Ho chiesto all’attuale proprietario di fare delle ricerche, per tentare di dare un volto a quei segni. Per questo ho chiesto aiuto al Parroco di San Cipriano che si è reso disponibile. Dal momento che i segni riportano un nome, la data di registro e l’età del bimbo si potrebbe risalire all’anno di nascita, magari rintracciabile negli archivi della canonica. La stanza dove sono questi reperti è al piano destinato al personale o per dirlo come un tempo della servitù. Ambienti più angusti rispetto al sottostante “piano nobile”. In questi locali regna un po’ di disordine, masserizie varie, qualche immancabile ragnatela, alcuni mobili avvolti da lenzuola, insomma la solita immagine di castello disabitato. L’altro giorno mentre mi dedicavo alla ricerca, sentite cosa mi è capitato, dopo qualche scatto fotografico a immortalare lo strano documento e annotando su di una Moleskin nera i nomi ecco che a un tratto con la coda dell’occhio ho visto passare dal corridoio un bambino!”. Insomma un allure di mistero che in certi casi non guasta. 

Un’ultima curiosita’: nel giardino c’è un busto di Angelo Parodi, imprenditore nel settore alimentare e padre del senatore Parodi. Quello del tonno nella pubblicità che avrete visto tante volte in tv.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana
Partita Iva 02485610998
Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: