Annunci

Compleanno dei Luzzati, Archeological Sextet con Eutopia Ensemble e Deos e l’unica data italiana della band inglese Bear’s den

Sabato 1 e domenica 2 luglio grande chiusura in musica per il 5° compleanno dei Giardini Luzzati: il debutto assoluto del progetto site –  specific, fra musica e danza, in omaggio a Steve Reich, Archeological Sextet con Eutopia Ensemble e Deos e l’unica data italiana della band inglese Bear’s den

 

Per un mese sono stati programmati, con circa trenta partner locali e non, oltre settanta eventi fra incontri, concerti – di cui si ricorda in particolare il successo del concerto di Frankie hi- nrg mc per La Giornata Mondiale del Rifugiato – laboratori, mostre, visite guidate, teatro, momenti conviviali in un calendario pensato per rafforzare la comunità locale, fatta di un pubblico di tutte le età e per riflettere, attraverso arte, cultura e intrattenimento su temi di valenza sociale. A cinque anni dall’inizio della gestione di Ce.Sto (dal 2016 in collaborazione con Cooperativa Archeologia, Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse Onlus) Giardini Luzzati confermano la loro vocazione di Spazio Comune: è la Piazza di tutti, un palcoscenico per la “cittadinanza attiva” di Genova, nel cuore di un Centro Storico capace di uscire dagli stereotipi.

 

Sabato 1 Luglio 2017, ore 21.00 e ore 22.30, Area Archeologica San Donato/Giardini Luzzati Eutopia Ensemble e Giardini Luzzati, in collaborazione con Deos presentano in prima assoluta ARCHAEOLOGICAL SEXTET

Un’esperienza fuori dal tempo: gli scavi archeologici diventano il teatro di una performance tra danza e musica

Eutopia Ensemble

Flauto Antonella Bini

Clarinetto Simona Cremona

Violino Corinna Canzian

Violoncello Marco De Masi

Vibrafono Lorenzo Bergamino

Pianoforte Valentina Messa

Direttore Matteo Manzitti

 

DEOS

DEOS – danse ensemble opera studio/ Giovanni Di Cicco

in residenza presso la Fondazione Teatro Carlo Felice

 

Coreografia Giovanni Di Cicco

in collaborazione con gli interpreti Luca Alberti, Filippo Bandiera, Emanuela Bonora, Massimo Cerruti, Nicola Marrapodi

Tobia Rossetti

 

Per restituire a genovesi e turisti la poesia e la storia della più ampia Area Archeologica nel centro di Genova, aperta al pubblico nel novembre 2016 è nata l’idea di una performance artistica site – specific, che miscela musica e danza contemporanea e dialoga col luogo che la ospita per farne emergere la personalità, o una delle personalità possibili: sabato 1° luglio 2017, alle ore 21 e in replica alle ore 22.30, questa creazione avrà il suo debutto assoluto.  Su questo particolare, antichissimo “palcoscenico” salirà Eutopia Ensemble, una delle realtà musicali più interessanti e innovative sorte negli ultimi anni nel panorama genovese insieme DEOS (Danse Ensemble Opera Studio), la compagnia di danza contemporanea residente del Teatro Carlo Felice di Genova. Giovanni Di Cicco presenterà una coreografia originale interpretata da sei danzatori sulle note dell’avvincente brano di Steve Reich Double Sextet, vincitore del Pulitzer Prime per la musica nel 2009. Steve Reich quest’anno compie 81 anni e questa performance è anche essere un omaggio ad un grande compositore statunitense, uno dei padri del minimalismo, Leone d’Oro alla Carriera, alla Biennale di Venezia nel 2014.

L’Area Archeologica è costituita da un insieme di ricchi reperti di epoca romana, tra cui spiccano i resti dell’anfiteatro di Genova, un pozzo del IV secolo, memoria di quando l’arena fu trasformata in campo coltivato, e le fondazioni di edifici medievali e post medievali costruiti dal XII secolo in poi. La passerella allestita sopra l’area consente di “sorvolare” le rovine ad una distanza ravvicinata che facilita un’”immersione totale” nella storia e nella performance che lì si svolge.

L’Area Archeologica San Donato/Giardini Luzzati è stata inserita nel progetto del MIBACT Art Bonus: per  effettuare una erogazione liberale bisogna seguire le istruzioni a questo link http://artbonus.gov.it/117-24-area-archeologica-anfiteatro-romano-giardini-luzzati-genova.html e/o contattare Giardini Luzzati per concordare i dettagli dell’erogazione. Conservando la ricevuta con l’evidenza della causale “Art bonus – Ente Beneficiario – Oggetto dell’erogazione” si può usufruire delle agevolazioni fiscali.

 

Eutopia Ensemble è un gruppo di musicisti di formazione classica, compositori, strumentisti che hanno un sogno in comune: allargare la partecipazione sociale intorno alla musica e in particolare intorno al repertorio contemporaneo, abbiamo infatti riportato a Genova, dove mancava da più di 30 anni, una stagione di musica contemporanea, nella preziosa sede del Teatro della Tosse. Ci occupiamo anche di divulgazione, organizziamo conferenze e laboratori sulla contemporaneità musicale.

DEOS, nasce nel 2013 come progetto sperimentale all’interno della Fondazione Teatro Carlo Felice da un’idea del coreografo Giovanni Di Cicco e della Direzione Artistica dell’Ente Lirico. Dal 2015 DEOS diventa compagnia autonoma in residenza presso il Teatro Carlo Felice. Il percorso artistico della compagnia si fonda sull’eterogeneità degli interpreti associata alla linea poetica del coreografo. In poco più di tre anni DEOS ha portato in scena quattro nuove produzioni di danza contemporanea “Pulcinella” e “Un tango per Violetta” prodotti dal Teatro Carlo Felice, “Relâche” prodotto dal Teatro Piermarini di Matelica in collaborazione con AMAT – Circuito Teatrale delle Marche e “Blaubart Blue” per il Teatro dell’Archivolto, oltre a un costante lavoro all’interno delle opere liriche

Il programma della serata

 

ore 21.00 – introduzione all’area archeologica a cura di Ferdinando Bonora e Claudia Vanali

ore 21.15 – incontro con il direttore d’orchestra e il coreografo per una rapida “guida” all’ascolto e alla visione

ore 21.00 e in replica ore 22.30- esecuzione del Double Sextet di Steve Reich

 

Ingresso

Biglietto intero 10 Euro

Biglietto ridotto 8 Euro

 

———–

Domenica 2 luglio, ore 21, Giardini Luzzati e Mojotic Festival17 presentano

Unica data italiana del tour estivo per Mojotic OFF

Bear’s den (UK)

 

I Bear’s Den sono la band inglese che secondo molti rappresenta il grande ritorno del “folk rock brit” e che coi suoi concerti internazionali registra quasi ovunque il sold out.  La band ha portato per tutta l’Europa, il Regno Unito, l’America, il Canada e l’Australia l’emozionante musica del loro album di debutto Islands (nominato agli Ivor Novello Awards nel 2014) conquistando ad ogni tappa un numero sempre crescente di fan.
Dopo l’uscita dal gruppo del chitarrista Joey Haynes, i Bear’s Den oggi si muovono in tour con una band di sei membri che ruota intorno al nucleo creativo composto dal cantante e chitarrista Andrew Davie e dal polistrumentista Kev Jones. “Our hearts are as Red Earth And Pouring Rain: Mingled beyond parting”: è da una poesia di Sembula Peyaneerar, scovata da Davie in una guest house durante un suo viaggio in India, che prende ispirazione il tiolo del nuovo lavoro di Bear’s Den, Red Earth & Pouring Rain. “Mi piaceva l’idea che quando questi due potenti elementi – terra e pioggia – si combinano […] si ottiene qualcosa di più utile di uno di questi preso singolarmente. Ciò che si crea è maggiore della somma delle sue parti”. Red Earth & Pouring Rain, registrato con il produttore Ian Grimble presso i Rockfield Studios (Galles), è ispirato anche ai dipinti di Edward Hopper, i romanzi di Raymond Carver e il film America Oggi di Robert Altman, è un album intensamente personale che sfugge alle mode e alle facili classificazioni. Musicalmente si percepisce un’evoluzione sorprendente della band che riesce a creare un’alchimia perfetta fra le sue radici folk, che restano evidenti, e nuovi riferimenti al rock anni ’70 e ’80: Fleetwood Mac, The Eagles, e, in particolare, l’atmosfera notturna di Darkness On The Edge Of Town di Bruce Springsteen. Si sentono anche influenze più moderne di artisti quali The National e Sufjan Stevens.

“Ci sono stati tanti momenti incredibili nel nostro cammino, questo album ci ha dato la possibilità di fare un bilancio e riflettere su quanto siamo arrivati lontano “, dice Davie. “Allo stesso tempo, ci ha incoraggiato ad essere più coraggiosi musicalmente. Ho letto da qualche parte che Bruce Springsteen ha detto: “Più di ogni altra cosa, volevo essere grande’. Ho pensato che fosse davvero stimolante. Voglio fare qualcosa di significativo, che superi la prova del tempo”.

In apertura, dalle ore 21.00 saliranno sul palco i genovesi En Roco.

Ingresso € 16 + diritti di prevendita

PREVENDITE DISPONIBILI
www.mojotic.it
www.ticketone.it
www.vivaticket.it

INFO:
www.mojotic.it
http://www.bearsdenmusic.co.uk/

 

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: