Annunci

Il libro della settimana: “Umami” di Laia Jufresa, giovane autrice tradotta da Giulia Zavagna per Sur Edizioni

ilaria-falso-demetrio

A cura di Ilaria Crotti
Libreria Falso Demetrio
via San Bernardo 67R

 

 

 

Nel 2015 tra i migliori venti scrittori sotto i quarant’anni, selezionati nell’ambito del progetto Mexico20, incontriamo Laia Jufresa, giovane autrice che qui in Italia è stata tradotta da Giulia Zavagna per Sur Edizioni.
Umami è il suo primo romanzo, Umami è il nome della casa in cui abita uno dei protagonisti della storia, Alfonso, che è l’autore di un saggio antropologico incentrato sulla relazione tra il quinto sapore percepito dall’uomo e il cibo preispanico: Umami.
La costruzione del romanzo ruota intorno alle vicende di Villa Campanario, un’antica proprietà che Alfonso ha risistemato ricavandone un comprensorio di cinque case, cinque abitazioni private alle quali, fedele alle possibili derive del suo campo di studi, ha associato il nome di un sapore: dolce, amaro, acido, salato, umami.
Sarei lieta di sapere che vi siete addentrati nel comprensorio, che avete sbirciato dalle finestre e che, oscillando avanti e indietro lungo un arco temporale racchiuso tra il 2001 e il 2004, siate stati travolti dalle numerose istantanee di vita offerte dall’autrice (ovvero dai soggetti della sua storia).
Una volta tornati indietro potremo scambiare impressioni e sguardi sul microcosmo di Villa Campanario, confrontarci sul continuo cambio di registro narrativo che assaporiamo a seconda dell’ambiente che ci viene svelato: come quello pensato per Marina Mendoza, che in casa Amaro riempie lo spazio della narrazione con la sua visione onirica e un po’ folle dell’universo, della vita e degli accadimenti tutti; oppure quello dedicato a casa Acido, presso i Perez-Walker, dove le vicende familiari, il vissuto, le dinamiche prendono un tono e un sapore più terreno, realistico e sofferente.

La storia non nasce da una vicenda precisa, non abbiamo un filo conduttore da seguire: sono gli intrecci, le sfumature, i punti di vista molteplici che danno forma al romanzo. Un romanzo caratterizzato da uno stile rapido e leggibile ma da un linguaggio denso e impregnato di senso: affinché ogni termine ed ogni associazione di parole possano evocare e raccontare molto.
Potrei andare avanti e mettervi a parte di altri retroscena, introdurre più dettagliatamente i personaggi, il modo in cui l’autrice riesce a descrivere con tono delizioso alcuni aspetti della storia della sua terra, oppure si potrebbero analizzare i frequenti cambi di prospettiva, parlando di come naturalmente, di volta in volta, Laia Jufresa muove e adatta il punto di osservazione per mettere in luce gli aspetti più salienti del protagonista.
Ma non lo farò.
Lascio a voi il piacere di addentrarvi nel mondo di Laia Jufresa, di scoprire i vostri luoghi preferiti, e nel frattempo mi placo nell’attesa di un vostro responso.

falsoDemetrio

 

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana
Partita Iva 02485610998
Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: