Annunci

L’inferno di Sampierdarena, sospensione della licenza a “El Tigre” di via Dottesio

Sospensione della licenza per il pubblico esercizio “El Tigre” di via Dottesio. Lo ha annunciato oggi pomeriggio in consiglio comunale l’assessore comunale alla Legalità Elena Fiorini rispondendo a una mozione di Alessio Piana, consigliere della Lega a Palazzo Tursi. <Gli abitanti sono esasperati – ha detto Piana -. Nelle serate di venerdì e sabato i residenti sono costretti a barricarsi in casa e addirittura a trasferire i bimbi dai nonni perché non vengano disturbati dagli schiamazzi dei frequentatori del locale. A partire dalle 10 di sera, dentro e fuori dal locale, si verifica di tutto. Si assiste a minacce, bottigliate, insulti, atti vandalici sulle auto parcheggiare. La situazione solo per miracolo non è ancora arrivata allo scontro fisico tra frequentatori e residenti, ma che sta assumendo connotati preoccupanti. A testimonianza di tutto esistono diversi video registrati dagli abitanti>. Piana ha chiesto <misure di prescrizione dell’attività>
Per una volta perfettamente analoga l’analisi dell’amministrazione comunale. La situazione è grave e preoccupante, tanto che i controlli sono stati moltissimi. <Stiamo cercando di fare tutto il possibile insieme alle altre istituzioni – ha detto Fiorini -. Nel 2016 sono stati 90 i controlli, dei quali 29 congiunti tra polizia municipale del reparto Commercio e le forze dell’ordine. 11 le sanzioni, 7 i controlli nel solo mese di gennaio 2017>.
In generale, i controlli hanno portato a 14 ordinanze di sospensiva, 4 chiusure ordinate dal Questore per l’articolo 100 del Testo unico di polizia, una revoca della licenza (Onda Latina).

schermata-2017-02-14-alle-14-50-11

 

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

2 pensieri riguardo “L’inferno di Sampierdarena, sospensione della licenza a “El Tigre” di via Dottesio

  • 15 febbraio 2017 in 14:55
    Permalink

    siete pregati di togliere l’articolo in quanto presenzia di informazioini fittizie.

    Risposta
    • 16 febbraio 2017 in 3:03
      Permalink

      Le informazioni non sono fittizie. Sono state rese note pubblicamente in consiglio comunale dall’assessore e sono riportate anche nel sito del Comune. Signor Torres (proprietario del locale), farebbe bene a smetterla di dire che il nostro giornale pubblica informazioni farlocche altrimenti saremo costretti a querelarLa e a chiederLe i danni per il danno che sta creando all’immagine del giornale. Cancelli immediatamente anche quanto ha scritto sulla pagina Facebook del locale. Sta ledendo la nostra immagine e Le chiederemo di risarcirci.
      Se il suo messaggio voleva essere una minaccia, non le è riuscita molto bene. Continueremo a ricevere le pubblicare le lamentele dell’intero quartiere circa i disagi arrecati, comprovati anche dai sopralluoghi della polizia municipale, in alcuni casi in sopralluogo congiunto con le forze di polizia (gli stessi che hanno portato il Comune ad avviare l’iter per la sospensione prevista dall’Ordinanza del Sindaco). Sprechi meno energie a diffamare e le impegni nel rispetto delle regole.

      Risposta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: