Annunci

Doria: “Senza delibera in pericolo il posto dei lavoratori Amiu nel 2020”

<Senza la delibera il servizio di raccolta e spazzamento va a gara nel 2020 e viene meno la tutela dei lavoratori>. Lo ha detto ora in consiglio comunale il sindaco Marco Doria.

img_4575

<Non si tratta della chiusura di un accordo, ma del mandato a trattare, il risultato sarà valutato dal consiglio comunale – ha proseguito il Sindaco -. Spero che una trattativa seria finisca in tempo per valutare il risultato in consiglio comunale. Il Comune da solo non è in grado di affrontare da solo il “tema Amiu “nella sua complessità. Crediamo sia necessario un partner che apporti nuovo capitale che serve a realizzare investimenti negli impianti dei quali il sistema genovese necessita, capitale che non è in grado di uscire dalle casse del Comune>.

<Questo processo – ha continuato Doria – garantisce la condizione, che altrimenti non ci sarebbe, richiesta dalla legge di stabilità 2015 per la proroga del contrato di servizio ad Amiu. Senza questo percorso il contatto di servizio finirà nel 2020. Per negoziare la proroga serve il  presupposto del processo di aggregazione della società. La proroga massima è di 15 anni e viene consentita in modo proporzionale agli investimenti. Tanto più robusti sono gli investimenti in impiantistica, tanto più si potrà prorogare contratto di servizio. Prevediamo che il Comune possa non detenere la maggioranza di azioni. Ma abbiamo introdotto garanzie statutarie che danno al Comune il peso determinante nelle decisioni strategiche essenziali>.
Il lavoro sugli emendamenti, ha aggiunto il primo cittadino <dimostra che ci siamo confrontati senza pregiudizi all’interno di una direzione di marcia con le proposte venute nel tempo dalle organizzazioni sindacali. Con alcune abbiamo trovato intese, con altre no, ma ci abbiamo provato. Ci abbiamo provato anche con i consiglieri comunali e con i gruppi. Molte indicazioni sono state recepite. Ci sono emendamenti che non consentirebbero poi di portare, se non in minima parte, il risultato della trattativa al vaglio del consiglio comunale, per questo diremo di “no”, perché .impedirebbe la trattativa>.

Anche gli emendamenti chiesti dalle associazioni di categoria tramite la piccola media impresa per quanto riguarda il peso della Tari saranno probabilmente cassati: <Ci siamo mossi con senso di equilibrio – ha concluso Doria – cercando di tenere presenti due esigenze: la necessità di scaricare alcuni costi da sostenere in futuro per gestione post mortem  della discarica e ci osti già sostenuti dall’azienda>.
Verrà recepito, ha annunciato il Sindaco, un emendamento di Enrico Musso. La giunta spera nell’astensione del gruppo (ma al momento è presente solo lui).
<Se non si costruiranno gli impianti (passando per l’aggregazione Amiu n. d. r.) – ha concluso il Sindaco – qualche privato li farà e Amiu dovrà pagare per usarli>.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: