Annunci

Commerciante cinese ottiene dal Tar la sospensiva della chiusura. Oggi i bancali della sua merce hanno bloccato il traffico

via pre' negozio, cinese, disagi
A seguito di un controllo dei carabinieri era risultato che non corrispondeva ai requisiti del Patto d’area per la zona di Pre’ firmato da Comune, Regione, Prefettura, Camera di Commercio, associazioni di categoria e Mibact ed era stato chiuso dal Comune. Al Tar, però, il titolare del negozio, di nazionalità cinese, ha ottenuto la sospensiva. In attesa del giudizio di merito ha pensato bene, questa mattina di bloccare via Pre’ con i bancali della sua merce. I pallet sono stati posizionati in modo da occupare quasi per intero la sede stradale. Impossibile per i mezzi delle forze dell’ordine e per eventuali mezzi di soccorso passare da una parte all’altra della strada. Fortemente critico l’Osservatorio di Pre’ Gramsci che mette in luce quanto sia <pericoloso un simile comportamento e quanto scarso sia il senso civico e il rispetto della zona e dei suoi abitanti>. Ci fosse stata la necessità di intervenire da parte dei camion dei vigili del fuoco o di un’ambulanza il comportamento scorretto si sarebbe trasformato in tragedia. Non di rado, poi, polizia e carabinieri si spostano in auto lungo la strada per effettuare operazioni o semplicemente per il controllo del territorio. Stamattina le divise si sarebbero trovate davanti una muraglia di merci. L’Osservatorio dei cittadini, che appoggia la decisione de Civ e delle associazioni dela zona “La Coscienza di Zena” e “Le Matrioske” di costituirsi al Tar per sostenere la decisione di chiudere il negozio, chiede alle autorità di prendere provvedimenti perché il disagio, che può trasformarsi in pericolo, non torni a ripetersi.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana
Partita Iva 02485610998
Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: