Annunci

Teatro allo Zapata, domani partenza col botto con “Graphic novel is dead” con Davide Toffolo

toffolo-1 (620x350).jpg

Di Diego Curcio

Parte decisamente col botto la nuova stagione del Teatro allo Zapata, che inizia domani alle 21 e che, per un giovedì al mese ci accompagnerà fino a maggio. Il primo spettacolo della rassegna, ideata e diretta dalla regista e attrice Irene Lamponi, è nientemeno che “Graphic novel is dead” di e con Davide Toffolo, cantante dei Tre Allegri Ragazzi Morti e uno dei fumettisti più interessanti del panorama italiano. Un personaggio cardine dell’underground di casa nostra, allievo di Andrea Pazienza e figlio di quel movimento culturale esploso a Pordenone alla fine degli Anni Settanta sull’onda lunga del punk e del post-punk e poi proseguito lungo tutti gli Anni Ottanta, che va sotto il nome di Great Complotto (ma questa è decisamente un’altra storia). Ciò che ci interessa, per il momento, è l’appuntamento di domani: primo di cinque eventi imperdibili, che porteranno il Teatro con la T maiuscola in un luogo generalmente considerato “atipico” per questo genere di spettacoli: un centro sociale. In realtà, come ha dimostrato il successo della prima stagione, lo Zapata (ma anche le altre realtà autogestite della città, che in modo meno regolare hanno ospitato eventi simili) è uno spazio perfetto per il teatro; un palcoscenico ideale e soprattutto un’occasione per avvicinare un pubblico teatrale ai centri sociali e viceversa, dimostrando come questi spazi alternativi, siano sempre di più dei veri e propri motori cultuali della città.

Fatte le dovute premesse, adesso non ci resta che dare un’occhiata al cartellone di questa seconda stagione, che, se è possibile, sembra ancora più interessante di quella dell’anno scorso. Si parte domani, come detto, con “Graphic novel is dead” di Toffolo, titolo anche dell’ultimo lavoro a fumetti del cantante dei Tre Allegri Ragazzi Morti e sorta di autobiografia dolorosa e divertente, in cui la vita reale, la fotografia e il disegno si mescolano lungo 140 pagine mozzafiato. Lo spettacolo, tratto dal volume omonimo pubblicato tre anni fa da Rizzoli, è una sorta di stand up comedy ispirata alla figura di Andy Kaufman, tra musica suonata in acustico (pescando a piene mani nel repertorio dei Tre Allegri Ragazzi Morti) e racconti a cuore aperto della propria vita.
Si ride, si canta e si piange, promette la sinossi. E conoscendo i lavori di Toffolo (che già aveva portato le sue storie a teatro con lo spettacolo “Cinque allegri ragazzi morti – Il musical lo-fi” approdato qualche anno fa alla Claque della Tosse) non abbiamo il minimo dubbio che sarà così.

Gli altri appuntamenti in cartellone sono, il 9 febbraio,”Inviloop” di e con Daniele Parisi, autore e attore geniale, che l’anno scorso aveva aperto alla grande la prima stagione del Teatro allo Zapata; “Vedi alla voce Alma” di e con Lorenzo Piccolo per la regia di Alessio Calciolari (16 marzo); “Terra di rosa”, di e con Tiziana Vaccaro e musiche di Andrea Balsamo (13 aprile); e “Chi ama brucia” di Chiara Zingariello, con Alice Conti, per Ortika Produzioni (4 maggio).

Tutti gli spettacoli – particolare non da poco – sono a ingresso gratuito (anche se al termine, chi vuole, può lasciare un’offerta libera per sostenere il progetto) e sono preceduti da una cena a prezzo popolare a partire dalle 20. Dopo il teatro (che inizia puntuale alle 21) parte la jam session classica del giovedì sera.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana
Partita Iva 02485610998
Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: