Advertisements
Le ultime notizie

Teatro della Corte, martedì debutta il “Macbeth” di Shakespeare

Macbeth regia Luca De Fusco foto fabio donato (640x403).jpg

Martedì (17 gennaio) alle 20,30 va in scena al Teatro della Corte “Macbeth” di Shakespeare.
Lo spettacolo, coprodotto dal Teatro Stabile di Napoli, dallo Stabile di Catania e da Napoli Teatro Festival, è diretto da Luca De Fusco con protagonisti Luca Lazzareschi, Gaia Aprea, Giacinto Palmarini, Claudio Di Palma, Fabio Cocifoglia, Paolo Serra e con Sara Lupoli, Chiara Barassi, Sibilia Celesia, Paolo Cresta, Enzo Turrin, Francesca De Nicolais, Federica Sandrini, Alfonso Postiglione, Alessandra Pacifico Griffini, Luca Iervolino, Gianluca Musiu, e la voce fuori campo di Angela Pagano.
Le scene sono di Marta Crisolini Malatesta, i costumi di Zaira de Vincentiis, le luci di Gigi Saccomandi. La versione italiana è di Gianni Garrera.
Lo spettacolo si avvale anche della collaborazione con due artisti israeliani:
la coreografa Noa Wertheim, direttrice della Vertigo Dance Company e il compositore Ran Bagno, autore delle musiche originali.

Il Teatro Stabile di Napoli rende omaggio al Bardo, nel 400esimo anniversario della sua morte, con un capolavoro della drammaturgia occidentale ed una delle pagine shakespeariane più conosciute e rappresentate sia al teatro che al cinema. La tragedia racconta la vicenda di Macbeth, vassallo del Re di Scozia, che divorato dall’ambizione instillatagli dalla profezia di tre streghe, progetta e porta a compimento, incitato dalla consorte Lady Macbeth, tanti efferati delitti fra cui l’uccisione del sovrano per salire al trono. Una volta raggiunto il suo scopo però, si trova improvvisamente solo, di fronte alla fine più tragica.
“Questa edizione del Macbeth – dichiara il regista Luca De Fusco – si pone come ideale prosecuzione del lavoro già avviato con “Antonio e Cleopatra” e “Orestea”, due spettacoli che si sono fortemente connotati nel senso della sperimentazione e della contaminazione tra linguaggi. Anche in questo caso il teatro si mescola con le installazioni video in modo ancora più complesso e variegato rispetto ai lavori precedenti. Ho cercato di lavorare ad uno stile meno monumentale e più visionario rispetto ai lavori precedenti assecondando la natura fantastica del testo che vede i suoi momenti fondamentali (apparizione delle streghe, visione del pugnale, fantasma di Banquo) tutti fortemente contrassegnati dal tema del sogno, del delirio, dell’irreale”.
Mercoledì 18 gennaio alle 17,30 nel foyer del Teatro della Corte, conversazione con gli attori della Compagnia. Conduce Umberto Basevi.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: