Advertisements

Tiler colpisce ancora: una signora gatta per denunciare il degrado della Foce

15936349_1799988163589261_6310871417352035384_o
Tiler colpisce ancora e su una malconcia colonna di granito della Foce compare una “signora gatta” e un topo valletto. <Esiste una zona a Genova che porta nel cuore i colori del periodo in cui era la zona dei signori – scrive il celebre writer sulla sua pagina Facebook -. La Foce con i suoi viali alberati, i suoi negozi, le sue piazze, l’unico posto al mondo dove sono stato rapinato in pieno giorno. Camminando per le sue strade puoi incontrare il tossico che si pulisce del sangue sulle automobili, una coppia di zingari che gira per i negozi per capire dove stà il bottino migliore, un gruppetto di senza tetto che prepara il suo giaciglio sotto portici che non li ripareranno dal freddo, puoi incontrare negozi sfitti senza neanche un cartello affittasi e tante, tante saracinesche chiuse. E ogni volta che guardo piazza Rossetti mi domando perchè l’uomo sia cosi stupido, se fai una pavimentazione in mosaico è ovvio che la manutenzione sarà difficile e costosa!!!>.
Tiler è un ignoto artista di strada-piastrellista (nasconde la sua identità con una maschera da scimmia e agisce prevalentemente di notte) che attraverso le sue opere porta alla ribalta i problemi della città. Le sue opere sono, tra l’altro, bellissime e valorizzano le zone degradate dove vengono installate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Advertisements

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

Un pensiero riguardo “Tiler colpisce ancora: una signora gatta per denunciare il degrado della Foce

  • 7 gennaio 2017 in 18:13
    Permalink

    Io abito vicinissimo a questa “opera”, avendo un cane giro per le strade della foce almeno 3 volte al giorno da 14 anni e non condivido per niente il ritratto fatto dal writer. Penso sia stato molto sfortunato nelle sue esperienze…

    Risposta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: