Annunci

Cornigliano riparte dalle luminarie: vuole rilanciarsi e invita i genovesi a scoprire negozi e bellezze di una zona che ha voglia di riscatto

combo-cornigliano

Cornigliano che ha voglia di riscatto, che è nella terra di mezzo tra il lavoro, quando ce n’era tanto, e la vivibilità che sta riacquistando e vuole fare in fretta. Il Civ, centro integrato di via composto dai commercianti della zona, si fa in quattro. Tanto da aver finanziato un allestimento di luminarie così luminoso che non si vede nemmeno in certe strade del centro città. Tanto da organizzare continui eventi per conquistare la clientela genovese, ma anche per rendere il quartiere più vivibile per i cittadini. Ecco il videomessaggio di commercianti e cittadini di Cornigliano alla città.

Cornigliano fa davvero squadra. La fa come poche zone della città. Tanto che al nostro sondaggio sulle luminarie più belle di Genova negozianti e abitanti sono son dati daffare per strappare la vittoria agli altri quartieri e ci sono riusciti ottenendo quasi il 50% dei voti con un emozionante testa a testa, durato a lungo, con la zona di Marassi. Particolarità curiosa: il presidente del Civ di Cornigliano, Andrea Pavan è fidanzato con una delle più attive portabandiera di Marassi, Roberta Toscano. La sfida goliardica si è praticamente combattuta sul divano di casa e a colpi di sfottò sui social.

Tra i motivi per cui, secondo i negozianti del quartiere, i genovesi dovrebbero fare la spesa nella loro zona c’è il bellissimo presepe storico-artistico della parrocchia dei santi Andrea e Ambrogio (leggi l’articolo e guarda il filmato).

presepe-cornigliano
C’è però chi ricorda anche che a Cornigliano, quartiere popolare per eccellenza, i prezzi sono alla portata di tutte le tasche e questo è certo un buon motivo per passeggiare nelle strade diventate ormai decisamente più vivibili grazie anche alle battaglia del comitato “Per Cornigliano”. Abbiamo incontrato una delle prime e più battagliere  paladine “anti inquinamento”, Cristina Pozzi e abbiamo chiesto a lei cosa è cambiato dai tempi in cui la cokeria sputava smog e cosa ancora deve cambiare. <Il rifacimento e la quasi pedonalizzazione di via Cornigliano- dice Pozzi –  segnerebbe il rilancio definitivo del Quartiere>

Il rovescio della medaglia è la perdita di tanti posti di lavoro e degli operai che, finito il turno, si riversavano in strada e nei negozi. Erano anche cinquemila alla volta e si infilavano nelle botteghe dei fruttivendoli e nei panifici, compravano il giornale alle edicole e prendeva il caffè o la focaccia col vino bianco nei bar. Siamo, appunto, in mezzo al guado. Cornigliano ce la mette tutta, ad esempio regalando le luminarie alla città, ma anche organizzando mercatini e iniziative. La visita delle ville storiche nei giorni dei Rolli è imperdibile. Si scopre il quartiere che fu, quando le dimore “fuori le mura” delle ricche famiglie genovesi si affacciavano sui giardini e sul mare.

ville cornigliano rolli days
Cornigliano vuole uscire da questo guado che sta attraversando a testa alta. Ce la mette davvero tutta e merita l’aiuto della città e dei genovesi. Magari con un pomeriggio passato fuori dalle strutture degli scomodi vicini, i centri commerciali della Fiumara e di Campi, per riscoprire il valore (anche sociale e urbano) del commercio tradizionale.

<Ci stiamo rimboccando le maniche – dice Andrea Pavan -. Vogliamo tirare fuori le cose belle dopo anni e anni di lotte, cose brutte e varie vicissitudini del quartiere che purtroppo ancora qualche strascico hanno lasciato. Stiamo cercando di ripartire con la voglia di prendere in mano il nostro territorio, di vivercelo e di godercelo nel migliore dei modi, a volte con feste e con mercati, a volte con altre iniziative, come quelle culturali>.

<Noi puntiamo sulle classiche botteghe di una volta, sul calore umano> dice Pavan. E i commercianti assicurano che “la torta di riso qui non è finita”. Intervistandoli, senza essersi parlati gli uni con gli altri, molti si dicono “simpatici”, pronti ad assecondare le richieste della clientela e soprattutto a sorridere. Mica è poco come base di partenza per rilanciare anche la vocazione commerciale del quartiere.

Annunci

GenovaQuotidiana

Agenzia Giornalistica GenovaQuotidiana Partita Iva 02485610998 Direttore Responsabile: Monica Di Carlo

4 pensieri riguardo “Cornigliano riparte dalle luminarie: vuole rilanciarsi e invita i genovesi a scoprire negozi e bellezze di una zona che ha voglia di riscatto

  • 23 dicembre 2016 in 19:53
    Permalink

    Io, sinceramente, le trovo abbastanza anonime: quando ero bambino/ragazzino (25/30 anni fa) erano molto più appariscenti.

    Risposta
    • 23 dicembre 2016 in 19:54
      Permalink

      Hanno partecipato a un sondaggio sul nostro sito e hanno vinto. Certo, lo erano in tutta la città, ma ora è tutta un’altra economia. Ha letto il resto dell’articolo? 🙂

      Risposta
      • 23 dicembre 2016 in 19:59
        Permalink

        Sì sì.
        Comunque è cambiata molto, e direi in peggio; ci ho vissuto per 35 anni, quindi parlo con cognizione di causa.

      • 23 dicembre 2016 in 20:00
        Permalink

        Su, non faccia il disfattista. C’è gente, lì, che si fa in quattro per cambiare in meglio le cose. Sono davverouna squadra affiatata, hanno archiviato il mugugno e lanciano iniziative entusiaste! Fossero tutti così in città!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: