Le ultime notizie

La Fiera del Libro compie 90 anni. Da giovedì a De Ferrari col pensiero alla storica Galleria Mazzini piena di impalcature

La prima Fiera del Libro fu allestita nel 1926 in Galleria Mazzini ed è andata avanti con la sola interruzione di un anno, per la guerra, fino ai giorni nostri. Dallo scorso anno, a causa delle condizioni della storica galleria, è stata costretta a traslocare in largo Pertini, praticamente a De Ferrari, sotto la statua di Garibaldi. Tutto il resto resta identico: tante bancarelle (22) con libri nuovi, usati e d’occasione. L’inaugurazione sarà giovedì 1º dicembre. L’esposizione durerà fino al 6 gennaio. come vuole la tradizione. L’orario andrà dalle 9,30 alle 20.
fiera del libro

La fiera del Libro è nata in quello che all’epoca si chiamava “salotto buono della città”, la Galleria Mazzini che era diventata luogo di ritrovo di intellettuali e personalità illustri dell’Ottocento. Fino agli anni Venti del Novecento fu frequentatissima perchè sede delle Poste centrali e per i bellissimi locali che vi erano sorti nel frattempo, tra i quali c’erano la “Birreria Zolezi”, che per prima esibì un’orchestra tutta composta da donne, il ristorante “Pippo Luce” ed il “Caffè Roma”. Quest’ultimo era frequentato da clienti di riguardo quali Anton Giulio Barrili, Stefano Canzio, Arnaldo Vassallo (il famoso “Gandolin”), ma il locale raggiunse la sua massima notorietà quando presero a frequentarlo i giornalisti Giuseppe Canepa e Carlo Panseri, i poeri Montale e Sbarbaro, lo scultore Bassano e lo scrittore Ceccardo Roccatagliata Ceccardi. Proprio la chiusura del “Roma”, sul finire degli anni ’20, spense notevolmente la vita della galleria, ma a ciò contribuì anche il trasferimento in via Boccardo delle Poste centrali. Nella Galleria, ritrovo di intellettuali e giornalisti, era da poco nata la Fiera del Libro, sulle cui bancarelle si trovavano pubblicazioni rencenti e testi antichi. Le sorti della galleria sono anche legate a quelle del Teatro Carlo Felice: a partire dalla sua costruzione fino alla seconda guerra mondiale la galleria godette del passaggio degli spettatori dell’opera e del mondo che le ruotava attorno. Questo favore lo perse con la distruzione del teatro a causa dei bombardamenti: la galleria entrò così nell’oblio fino alla fine degli anni ottanta del novecento, momento in cui venne inaugurato il nuovo edificio ospitante il teatro e anche per la galleria iniziò un periodo di rinascita. Purtroppo, l’incuria della struttura non ha perdonato e lo scorso anno hanno cominciato a cadere i calcinacci. Per sicurezza la Fiera del Libro è stata spostata all’esterno, sotto a moderni tendoni. Per carità, non manca nulla, se non quel fascino dal sapore antico che regalava la fila di banchi della Galleria dove i librai sperano di tornare al più presto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: