Le ultime notizie

La fotografia e il rispetto. Sebastião Salgado: “Quella volta in cui andai a vivere una settimana con Italo Calvino per fotografarlo”

Sebastião Salgado, autore delle immagini di “Genesi”, la mostra fotografica che ha conquistato migliaia di visitatori a Palazzo Ducale, stasera ritirerà a Genova, proprio al Ducale, il Premio Primo Levi, attribuitogli dall’omonima fondazione. Ieri era a Genova e, all’hotel Bristol, ha risposto alle domande della stampa.  Noi gli abbiamo chiesto cosa è per lui il rispetto in fotografia, partendo del suo approccio agli esseri umani, che non fotografa mai di sorpresa e agli animali, di cui spesso prende gli atteggiamenti per riuscire a fotografarli. Ecco cosa ci ha risposto partendo dall’incontro con un ligure illustre, Italo Calvino.

*Non possiamo vivere nella menzogna che solo l’uomo appartenga alla sola specie razionale Anche gli animali hanno la loro razionalità. Per esempio quando ho voluto fotografare i coccodrilli nel Pantanal mi sono accorto che era molto difficile perché loro sono coricati nell’acqua e hanno degli occhi che vedono a 180 gradi, quindi quando volevo fotografarli si nascondevano e andavano sotto acqua, allora mi sono detto “merde”, come farò a fotografarli? Mi sono detto: “Adesso mi corico per terra come loro” e vi giuro che ho visto i coccodrilli uscire della acque e mettersi in posa. Allora vedete c’è un evento, c’è una velocità dell’evento, bisogna che noi ci integriamo a questo evento. Non è possibile arrivare violentare questo evento, scattare una foto e andarsene. Bisogna integrarsi nell’evento. Se dovessi fotografare Papa Francesco bisognerebbe che mi accettasse, che io spiegassi cosa voglio fare, che io lo osservassi.

(Foto di Carlo Alberto Alessi)

Una volta volevo fotografare Italo Calvino, busso alla sua porta a Roma, mi apre e mi dice: <Ah, sei tu il fotografo del New York Times?>. Sì, gli rispondo. Mi dice <Mezz’ora, va bene mezz’ora?> Gli rispondo: <No, ho bisogno di 3 giorni>. E lui mi dice; <No, non posso, non posso dare 3 giorni della mia vita a un fotografo>. Gli rispondo: <No, non è possibile, non posso fare le foto in queste condizioni, non posso farti una foto se non ti conosco, se non ti capisco>. E sua moglie che era lì e che mi ascoltava, mi dice: <Sebastiano, da quale paese vieni?>. Le rispondo <Dal Brasile> e lei mi dice che è dell’Argentina e aggiunge. <Senti Italo, Sebastiano viene a vivere a casa, starà con noi 3 giorni> e mi dice di andare a prendere i miei bagagli in albergo e di portali lì. E Italo ascoltava molto sua moglie. Abbiamo passato una settimana insieme. Siamo diventati così vicini che quando ho finito, stavo tornado a Parigi ed è venuto con me. E ho fatto delle sue foto anche a Parigi, nella sua casa. Era una cosa fantastica.

(Italo Calvino, foto di Sebastião Salgado)

Vedi non è un problema di rispetto per questa persona è un problema di rispetto verso la vita, verso il tempo della vita. È il rispetto per l’integrazione, siamo degli animali gregari, siamo fatti per vivere in gruppo. Da quel momento le cose sono più facili. Non sono io che ho fatto le foto, no, è Italo che mi ha dato le sue foto, mi ha dato questo regalo. E siccome un giorno aveva scritto sulle giraffe, mi ha portato allo zoo di Roma a vedere le giraffe e ho avuto la fortuna che una giraffa ha messo la testa nella nostra macchina e io ho fatto una foto della giraffa che guardava Italo. Sono queste le cose, bisogna rispettare il tempo delle cose.

In questo periodo sto facendo delle foto degli indigeni dell’Amazzonia, sono già 4 anni che li fotografo, ma ho bisogno di altri 4 anni. Non è che le mie foto sono migliori di quelle di altri, ma forse è che io ci dedico più tempo per inserirle in questo movimento del tempo.

*Traduzione di 
Laure Mathilde Bianchini
Centro linguistico di Ateneo (CLAT)
Sezione di Francesistica
Dipartimento di Lingue e Culture Moderne
Scuola di Scienze Umanistiche

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: