La Tour Eiffel, la nuova frontiera della protesta che imbratta i muri

eiffel

L’ultima frontiera della protesta che imbratta i muri è la Tour Eiffel che sta comparendo sulle pareti esterne degli edifici di tutto il centro storico: uno stancil, una bomboletta spray e il gioco è fatto. Il riferimento “politico” è alla protesta francese. Al di là del merito, il monumento di Parigi è certamente un richiamo alla protesta d’Oltralpe conto il jobs act alla francese e diventa il nuovo tormentone che arreca danni all’estetica cittadina e degrado per aree molto turistiche della città. Tappezzare di scritte e disegni fatti con la bomboletta costa meno denari e fatica che stampare manifestini e appicciarli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: