ema yazurlo & quilombo sonoroAi Giardini Luzzati è tempo di festa grande e concerti internazionali prima della pausa estiva e della seguente la ripresa della stagione dei concerti a settembre. Tre serate per tutti i gusti: venerdì 31 Luglio, sabato 1 Agosto e infine venerdì 7 Agosto, primo concerto live in piazzetta Rostagno.

Il Circolo resterà chiuso da Domenica 9 a Domenica 23 Agosto, mentre la piazza dei Giardini osserverà il canonico orario di apertura dalle ore 8,00 alle ore 19,00.

Si comincia con Ema Yazurlo,  Musicista,  Compositore e leader de la banda argentina La Zurda,  presenta il suo primo  album dal titolo  ”MUSICA Y AMOR ” , un pout-purri strabiliante di  suoni che si rivolge al folk in primis e mischia con sapienza latin, funk , rap, reggae, hip hop,  electro swing con i canti popolari autoctoni sudamericani, una sorta di etnofolk e  suoni urbani. Sarà una serata all’insegna del ritmo e del divertimento, unica data in Liguria nell’ambito di un tour internazionale dell’artista argentino e della sua band. Musica da ascoltare ma soprattutto da ballare. EMA YAZURLO e i suoi strumentisti faranno vibrare il palco accogliendo, in un ponte ideale tra Genova e Buenos Aires, ritmi e suoni d’oltreoceano. Linguaggi musicali altri, che attingono a tradizioni diverse: dalla cumbia (musica e danza tipiche della Colombia), all’huayanos (caratteristica del Perù), contaminate con cadenze funky, hip hop, electro swing, rap e raggae, sino a un mix di world music e sonorità urbane. I canti popolari sudamericani restano alla base della ricerca artistica di Ema Yazurlo, come memoria sonora irrinunciabile in una narrazione musicale che coniuga melodie e armonie con ritmiche sostenute e trascinanti. La matrice etnica accanto alle diverse inflessioni più avanguardistiche, che dichiarano frequentazioni di territori altri e non solo di world music, fanno di questo sound un abbraccio a 360° di generi e tradizioni differenti. Non a caso, l’ex leader del noto gruppo argentino “La Zurda” nel suo album “Musika Y Amor” (2014), ricorre a numerosi strumenti: ronroco, cuarto, charango, trombone, tromba, cazu, ma anche elementi elettronici e digitali quali samplers e drum&bass, nonché vari tipi di percussioni (riqq, darbuka, cuica, timbal, bombo leguero, cajon peruviano), che testimoniano quanto l’artista tragga la sua ispirazione da diversi repertori musicali, fondendoli e rielaborandoli in maniera personale e attuale.

Nei tre album realizzati con la band La Zurda, si possono ascoltare diversi stili musicali e  un ampio mix culturale, dalle “songs”  dei  nativi americani fino  a elettro-sonorità della nuova mezcla moderna e sempre con il cuore alle radici della propria terra. Ha lavorato con produttori discografici a livello mondiale  da  Gustavo Santaolalla , Paul Guyot , Alfredo Toht , Pablo Romero , Mono Morello , Pepe Cespedes , Oscar Righi  fino a Fabrizio Babacci e Negrita, nel nostro paese.  Nella sua ultima release  con La Zurda, “Aca y Ahora” (prodotto da Fabrizio Barbacci ) registrato in Italia  e a Buenos Aires, con la collaborazione di NTVG (Uruguay) e il gruppo  italiano dei Negrita , liriche e melodia sono il punto focale del suo percorso nella costruzione di un itinerario che tocca il mondo intero. Durante questi viaggi musicali, ha condiviso il palco con famosi artisti della scena come Paralamas, Emir Kusturica,  AMADOU & MARIAN , MAD PROFESSOR , MOLOTOV , FISHBONE, Fabulous Thunderbirds, Bersuit, Autenticos Decadente, Cafe Tacuba, NTVG , CANDELA SOW, NEGRITA. Molti i tours e  festivals nei paesi quali: Argentina , Uruguay , Cile, Venezuela, Messico, Spagna, Italia, Svizzera, Germania e con buona visibilità nei  principali media partners quali radio, magazine e web. Il sound in questo nuovo cd “Musica y Amor”, inizia con strumenti quali: Ronroco, Cuatro, Charango, trompeta, trombon, cazu, armonicas, samplers, Drum & bass e varie percussioni etniche e batteria, darbuka, tambora, cuica, riqq, timbal, revolo, bombo leguero, cajon peruano, strumenti che spiegano ancora una volta quanto si riflette in questo nuovo album la coesistenza di tante etnie musicali, cosi ricche di melodie e armonie, appunto “musica e amore”.

LA FORMAZIONE: Emanuel Yazurlo: voce, charango, ronroco, armonica, cuarto, gtr Augustin: accordeon, cori, gtr, looper Andres: tromba e trombone Itaiata (ex turnista dei Negrita): congas, timbales, djembè, cajon. Già nei tre dischi precedenti, quelli registrati con “La Zurda” (di cui era autore, voce e polistrumentista), si avvertiva un’interessante miscellanea di suggestioni e stili, che vanno dalle ballate dei Nativi Americani alle sonorità elettroniche. Nel suo percorso di sperimentazione Ema Yazurlo ha avuto modo di lavorare con famosi produttori discografici come Gustavo Santaolalla, Pablo Guyot, Alfredo Toht, Pablo Romero, Mono Morello, Pepe Cespedes, Oscar Righi, Fabrizio Barbacci. Intanto, l’attività performativa lo ha portato a esibirsi nei più importanti festival in Argentina, Uruguay, Venezuela, Messico, Spagna, Italia, Svizzera, Germania, condividendo il palco con artisti del calibro di PARALAMAS, EMIR KUSTURICA, AMADOU & MARIAN, MAD PROFESOR, MOLOTOV, FISHBONE, LOS FABULOSOS CADILLACS, BERSUIT, AUTENTICOS DECADENTES, CAFÉ TACUBA, CANDELA SOW, NO TE VA GUSTAR, LA VELA PUERCA, THUNDERNIRDS, RICHARD BONA, NEGRITA. I brani “Vidita”, “El Mundo”, “Echale semilla”, “Falopero” (un hip hop andino) hanno vinto “La Resistencia”, contest in Messico tra oltre 3.000 band latinoamericane; “Los ejes de mi carretera” (Atahualpa Yupanqui) in una versione electro-dub, “Hay un lugar”, “Los Ultimos”, “Huaynot”, “Santa Anita” sono stati selezionati durante “Lo Nuestro”, come migliori pezzi latini a Miami nel 2002. “Aca y Ahora”, l’ultimo disco realizzato con “La Zurda” nel 2010, prodotto dall’italiano Fabrizio Barbacci (manager dei NEGRITA), è stato registrato in Europa con la collaborazione della band uruguayana “No Te Va Gustar” e con i nostri NEGRITA. Ema Yazurlo & Quilombo Sonoro (nome dell’odierna formazione) nel 2014 hanno presentato a Buenos Aires il loro cd “Musika Y Amor”, dopo il tour europeo “Yira el Mundo Europa Tour 2014”, che ha toccato Milano, Roma, Modena, Bolzano, Bologna, Pisa, Monaco, Amsterdam, Utrecht. La nuova tournée, “Luz y Sombra”, ha visto l’avvio in Messico nel 2015. Attualmente sono in giro per l’Europa, impegnati in una serie di concerti in Francia, Belgio, Olanda, Italia, Germania.

FIRST TIME I MET THE BLUES

COUNT BASIE OPEN DAY

Giardini luzzati, SABATO 1 AGOSTO ore 19,00

 

Jam Session aperta a tutti i bluesman della Liguria

The Big Jam Session Blues targata Count Basie è il grande divertimento del blues suonato insieme per una serata ricca di energia per godere appieno delle vibrazioni della musica dal vivo.

Una jam session è una riunione di musicisti che si incontrano sul palco improvvisando su griglie di accordi e temi conosciuti, detti standard. Il termin deriva da “Jamu”, una parola Youruba dell’Africa occidentale che significa “insieme in concerto” ed è nato negli anni venti negli ambienti jazz per poi diffondersi nel blues e nel rock. Apre la serata una open band selezionata dalla Direzione Artistica per poi cedere il passo alla jam session vera e propria all’insegna della condivisione, del divertimento e dell’energia. Il Count Basie Jazz Club porta avanti questa tradizione organizzando un appuntamento fisso per i musicisti e cantanti jazz e blues genovesi tutti i giovedì e venerdì: un’esperienza unica che ricorda la New York degli anni quaranta dove musicisti famosi come Ben Webster e Lester Young incontravano i giovani dell’era bebop come Charlie Parker, Dizzy Gillespie o Thelonious Monk. KEEP ON BLUSIN’.

L’Associazione Count Basie, il cui Presidente Onorario è Enrico Rava, organizza circa 150 eventi di sola musica live all’anno senza contributi pubblici né privati ma con la sola forza dei soci: realtà unica nella storia della musica in Liguria. L’anima fervida del Count Basie sono i soci attivi, ogni anno più numerosi, coinvolti dalla causa, che a titolo volontario investono spirito e tempo per mantenere questa “chicca” dove la cultura musicale diventa “aria di casa”. Il locale si trova all’interno delle fondamenta dell’antico convento di santa Brigida che risale al 1400, in Vico Tana sulla scalinata di Santa Brigida: una della zona storiche genovesi per la quale il locale, che è un circolo Arci, rappresenta un importantissimo punto di riferimento culturale e sociale.

La programmazione stagionale (Ottobre – Giugno) consta di serate a ingresso libero dedicata alle jam session: il giovedì “Happy jazz” e il venerdì “Enjoy the blues”, come occasioni di divertimento e scambio sia per il pubblico che per tutti i musicisti genovesi.

Il sabato è dedicato ai grandi concerti con molti altri artisti del panorama nazionale e internazionale, mentre la domenica è aperta alle sperimentazioni, tra cui spettacoli a tema letterario e generi di confine. Il Count Basie ha anche una sezione di didattica musicale laboratoriale per i suoi soci: il COUNT BASIE LAB che prevede un corso settimanale di musica d’insieme diretto da Stefano Riggi (I livello il lunedì e II livello il mercoledì) e prestigiose masterclass con i grandi nomi della musica jazz e blues.

PAZ GITANA

PIAZZETTA Mauro ROSTAGNO,

VENERDì 7 Agosto ore 21,00

Musica nomade per il riscatto della terra è il progetto itinerante della cantautrice cilena Paz Quintana, arrangiatrice e polistrumentista, che viaggia il mondo raccogliendo testimonianze di musica popolare e ritimidel folklore urbano. Paz creea musica originale suonata con chitarre, ukulele, fisarmonica, cabaquino, cuatro venezuelano, tamburi, basso.

Musica per “essere”, testi alternativi, morte e rinascita attraverso le sue canzoni in una vera e propria Terapia Ritmica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: