Il cardinale: “Il Comune risolva il problema di Turati”

ASTER LAVORA SU QUADRIO, MA NON RISOLVE iL PROBLEMA DELLA FOGNA DI CORSO QUADRIO
LA PROCURA APRE UN INCHIESTA SUL SUQ

“Il Comune deve trovare una soluzione dignitosa per il mercatino abusivo di via Turati. Queste persone non devono rimanere per strada. E’ un problema che va affrontato salvaguardando i diversi beni. Bisogna dare dignità a queste persone, ma salvaguardare anche le attività oneste presenti sul territorio perché ognuno possa sopravvivere”: questo ha detto stamane il cardinale Angelo Bagnasco, forse l’unico soggetto cittadino coon una forte valenza politica che non si era ancora occupato del mercato abusivo che è stato usato un po’ da tutti come arma per la conquista del consenso nel corso dell’ultima campagna elettorale. Bagnasco, che ha ricordato i problemi di sicurezza e viabilità, oltre a quelli di convivenza con le attività produttive, non ha suggerito, però, come il Comune potrebbe fare a salvare capra e cavoli. A questo (o alla soluzione che più ci si avvicina) sta lavorando l’assessore comunale alla legalità Elena Fiorini. Esistono, però, diversi problemi. Gli abitanti non vogliono che il suq venga spostato in corso Quadrio, un’area che l’amministrazione Vincenzi aveva promesso loro come posteggio e bocciata anche dalla polizia municipale perché troppo vicina alla strada. I venditori sono moltissimi e con certezza, come è già accaduto qualche tempo fa, quando gli stranieri si spostarono autonomamente, esonderanno anche sui marciapiede, spingendo i pedono in strada, sulla corsia dei bus. Il Comune sta lavorando con la Prefettura che ha chiesto un’area facilmente controllabile dove spostare i venditori.
Sempre di più sono le persone e i soggetti che vedrebbero meglio il trasloco nell’area sotto la sopraelevata, tra i due ingressi dell’Expo, che prima era un posteggio per i residenti e da alcuni anni è stata affidata dal Comune alla Porto Antico Spa per sostenerla dopo il flop del progetto Ponte Parodi. Per gli abitanti, potrebbe andare agli stranieri dalle 8 alle 14 e poi tornare ad essere un parcheggio pertinenziale.
Intanto, Aster è intervenuta sulla perdita fognaria da mura della Marina sul piazzale di corso Quadrio che l’Amministrazione e la Prefettura stanno pensando di utilizzare per ricollocare i venditori imponendo, contestualmente il rispetto delle regole e il pagamento degli spazi. La fogna che perde da diversi anni, però, non è stata aggiustata. La perdita è stata semplicemente incanalata perché non invada tutta l’area: una brutta notizia anche per gli abitanti delle case soprastanti che devono convivere coi miasmi, fastidiosi soprattutto in questo periodo dell’anno. Il problema è che sulle mura convergono diversi fognoli medioevali non mappati. I tecnici hanno cercato di scoprire l’origine della perdita anche colorando l’acqua, ma non c’è stato nulla da fare. L’intervento su manufatti storici è difficile e, in qualche caso, impossibile.
Schermata 2015-06-05 alle 13.13.02
(L’acquitrino di origine fognaria di corso Quadrio)
Intanto, la magistratura ha aperto un’inchiesta sulla rissa tra stranieri di qualche giorno fa. Il procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico, insieme al sostituto Francesco Cardona Albini, indagherà sia sul fatto specifico, sia sui reati che commettono tutti coloro che usano il suq come centrale della merce ricettata e come luogo di spaccio all’ingrosso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: